"Respinto", Corte dei Conti dice 'no' a ricorso del Comune | Dimissioni o Tar del Lazio - Tuttoggi

“Respinto”, Corte dei Conti dice ‘no’ a ricorso del Comune | Dimissioni o Tar del Lazio

Luca Biribanti

“Respinto”, Corte dei Conti dice ‘no’ a ricorso del Comune | Dimissioni o Tar del Lazio

Le Sezioni Riunite bocciano ancora il Comune sulla manovra finanziaria
Mer, 24/01/2018 - 14:43

Condividi su:


“Respinto”, le Sezioni riunite della Corte dei Conti, riunite questa mattina a Roma, hanno bocciato rigettato il ricorso presentato dal Comune di Terni contro la bocciatura del primo piano di riequilibrio finanziario firmato dall’ex assessore al Bilancio, Vittorio Piacenti D’Ubaldi (dimessosi perché coinvolto nelle idagini della Procura sui presunti appalti illeciti del Comune). La manovra economica bis, quella contenente la richiesta di accesso al Fondo di Rotazione era invece già stata giudicata “irricevibile” dalla sezione regionale della Corte dei Conti.

La sentenza di Roma avrà ripercussioni importanti sul governo della città con due ipotesi percorribili: la prima è quella delle possibili dimissioni del sindaco Leopoldo Di Girolamo (che aveva dichiarato di voler rimettere il suo mandato dopo la conclusione dell’iter di risanamento dell’Ente); la seconda riguarda la possibilità di ricorrere ulteriormente al Tar del Lazio che ha la massima autorità su questioni simili.

Qualora si dovesse verificare questa seconda ipotesi, il sindaco darà il via anche al rimpasto di Giunta, così come indicato nel documento programmatico del direttivo del Pd o all’azzeramento della stessa, ma comunque si porterebbe l’esperienza del Pd al governo della città fino a fine mandato. La terza soluzione, qualora i vertici istituzionali lo ritengano opportuno, è il dissesto dell’Ente. 

“Ho appena ricevuto notizia dallo studio legale che ha seguito la procedura del ricorso – dichiara il sindaco Leopoldo Di Girolamo che le sezioni riunite della Corte dei Conti hanno respinto il ricorso presentanto dal Comune di Terni in merito al piano di riequilibrio finanziario dell’Ente. Prendiamo atto del pronunciamento della magistratura contabile, rimaniamo in attesa di leggere il dispotivo e della applicazione delle procedure di legge che ne conseguiranno così come prevede in queste circostanze il testo unico degli Enti locali”.
In questa situazione l’art. 243 quater comma 7 del Tuel  prevede l’applicazione dell’art. 6 comma 2 del dlgs 149/20011  con il prefetto che assegna al Consiglio Comunale il compito di esprimersi, entro 20 giorni, sul dissesto finanziario dell’Ente.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!