Raddoppio Spoleto - Campello, comitato viaggiatori scrive al ministro

Completamento raddoppio Spoleto – Campello, comitato viaggiatori scrive a De Micheli e Tesei

Redazione

Completamento raddoppio Spoleto – Campello, comitato viaggiatori scrive a De Micheli e Tesei

Chiudere in tempi rapidi il raddoppio della linea ferroviaria Spoleto - Campello e migliorare collegamenti con Roma e Perugia: la richiesta dei pendolari spoletini
Gio, 18/06/2020 - 17:39

Condividi su:


Chiudere in tempi rapidi il raddoppio della linea ferroviaria Spoleto-Campello, cantiere da otto chilometri e mezzo aperto venti anni fa. Migliorando, nel frattempo, tempi e frequenze dei collegamenti tra Perugia e Roma.

Sono alcune delle richieste fatte dai Comitati Viaggiatori di Spoleto – Valnerina e di Foligno in una lettera recapitata questa mattina alla ministro dei Trasporti Paola De Micheli e alla presidente della regione Umbira, Donatela Tesei.

Un appello a spezzare il paradossale isolamento sofferto da un territorio posto al cuore del paese e vittima del terremoto del 2016. “Per tornare a crescere -. scrivono i firmatari – dobbiamo insieme alla Regione Lazio e alla Regione Marche, essere collegati in maniera veloce ed efficiente verso sud e verso nord”. 

Ipotesi alta velocità tra Roma e Ancona, quali tempi?

I viaggiatori apprezzano la volontà di trasformare la Roma – Foligno – Ancona in una linea ad alta velocità, espressa nei punti del Piano rilancio annunciato dal governo in occasione degli Stati generali e  caldeggiano dunque il raddoppio della linea, “soprattutto nel tratto che riguarda buona parte dell’Umbria, lo spoletino e alcuni tratti montani a ridosso con le Marche. Se la volontà di realizzare questo progetto c’è veramente tanti dei problemi di isolamento del nostro territorio sarebbero risolti ma ci chiediamo quali siano i tempi di realizzazione”. 

Il comitato viaggiatori: situazione peggiora

Il comitato, costituitosi oltre 10 anni fa e formati da un gruppo di persone che quotidianamente si spostano in treno per raggiungere il loro luogo di lavoro a Roma, denuncia che ogni anno “anziché migliorare, la nostra condizione sembra peggiorare e la nostra Regione sembra sempre più isolata”. La lettera si chiude con un appello alla ministro di recarsi sul posto per “per rendersi conto lei stessa di cosa stiamo parlando e per raccontarci più approfonditamente un progetto che, se fosse realizzato, darebbe nuovo slancio a questa parte d’Italia che è la cerniera tra il Nord e il Sud”.

La lettera a De Micheli e Tesei

Di seguito il testo della lettera rivolta alla Ministro dei Trasporti e Infrastrutture con copia alla Presidente della Regione Umbria.

Gentile Ministro Paola De Micheli,

Siamo i componenti del Comitato Viaggiatori di Spoleto –  Valnerina e di Foligno (Umbria), costituitosi oltre 10 anni fa e formati da un gruppo di persone che quotidianamente si spostano in treno per raggiungere il loro luogo di lavoro a Roma. Ogni anno, anziché migliorare, la nostra condizione sembra peggiorare e la nostra Regione sembra sempre più isolata. Solo pochi giorni fa l’Assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Enrico Melasecche ha dichiarato, oltre all’apertura ai mezzi pesanti della SS. Flaminia, anche 11 interventi nel tratto di strada che collega Spoleto a Terni. 

Apprezzabile il miglioramento dell’unica strada che collega il nostro territorio verso il sud e verso il nord e che velocizza il trasporto su gomma in alcuni tratti ma noi riteniamo che, ancora di più in un momento come questo, ci sia bisogno di una particolare attenzione, progettazione e investimenti su quella che riteniamo l’infrastruttura più importante: la ferrovia.

Pochi giorni fa abbiamo avuto il piacere di leggere una Sua intervista con la quale ha dichiarato – in vista degli Stati Generali – un piano preciso per infrastrutture e trasporti dei prossimi anni. “Dietro – ha spiegato  – c’è una precisa idea di Paese: più accessibile per tutti e anche più giusto e aumentare del 20% la velocità degli spostamenti. In prospettiva non esisteranno più zone periferiche e per come è strutturato il piano – grazie all’intermodalità tra ferrovie, porti e aeroporti, non ci saranno aree marginali”. 

In occasione degli Stati Generali il Governo ha annunciato, tra i 9 punti del Piano Rilancio, la trasformazione della Roma – Foligno – Ancona in una linea ad Alta Velocità che toccherebbe anche le città di Terni e Spoleto. In realtà non è stata ancora raddoppiata, soprattutto nel tratto che riguarda buona parte dell’Umbria, lo spoletino e alcuni tratti montani a ridosso con le Marche. Se la volontà di realizzare questo progetto c’è veramente tanti dei problemi di isolamento del nostro territorio sarebbero risolti ma ci chiediamo quali siano i tempi di realizzazione. Noi veniamo da una storia in cui da circa 20 anni ancora non è stato completato il raddoppio della Spoleto – Campello sul Clitunno, circa 8 km di lunghezza (più di 2 anni per ogni chilometro).

L’isolamento del nostro territorio, che comprende la città di Spoleto e la Valnerina e dell’intera nostra Regione è ancora più grave se pensiamo che siamo anche nel cratere del sisma del 2016 e per tornare a crescere dobbiamo, insieme alla Regione Lazio e alla Regione Marche, essere collegati in maniera veloce ed efficiente verso sud e verso nord.

Bene quello che abbiamo letto in questi giorni e che speriamo corrisponda al vero e non ad articoli di giornale senza fondamento; mentre attendiamo l’arrivo dell’Alta Velocità chiediamo la conclusione rapida del raddoppio Spoleto – Campello e un miglioramento del collegamento del capoluogo, Perugia,  – Assisi – Foligno – Spoleto – Terni con Roma, migliorando l’Intercity IC 531 che parte da Perugia alle 6.40, sostituendolo con un Frecciabianca o con un Frecciargento, anticipando l’arrivo a Termini di almeno 15 minuti, affinché il treno possa essere utilizzato per esigenze lavorative o per prendere coincidenze con altri treni e di intervenire sui collegamenti regionali, migliorando orari e treni, prendendo in considerazione l’estensione alla nostra regione dei servizi freccia.

Cara Ministro, Le chiediamo di venire a trovarci per rendersi conto lei stessa di cosa stiamo parlando e per raccontarci più approfonditamente un progetto che, se fosse realizzato, darebbe nuovo slancio a questa parte d’Italia che è la cerniera tra il Nord e il Sud. Ci rendiamo conto perfettamente che lei ha da pensare a tutto il Paese e, se non riuscisse a venire, le chiediamo di poter venire noi a Roma a incontrarla.

La ringraziamo vivamente per l’attenzione che darà alla nostra voce. Cordiali saluti,

I Comitati Viaggiatori di Spoleto – Valnerina e di Foligno

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!