Provincia di Terni, approvata manovra di bilancio da 103 milioni - Tuttoggi

Provincia di Terni, approvata manovra di bilancio da 103 milioni

Redazione

Provincia di Terni, approvata manovra di bilancio da 103 milioni

Mer, 30/12/2020 - 08:00

Condividi su:


Provincia di Terni, approvata manovra di bilancio da 103 milioni

Scuola, viabilità, accordo con Ternana Calcio e mancata riforma delle Province, il presidente Lattanzi traccia il bilancio dell'Ente

Si è svolta ieri, martedì 29 Dicembre, la conferenza stampa indetta dalla provincia di Terni, durante la quale il Presidente Lattanzi ha tracciato il bilancio di fine anno. Presenti all’evento anche i dirigenti Stefania Finocchio, Maurizio Agrò e Marco Serini. Il bilancio di previsione ammonta ad oltre 103 milioni e 800 mila euro, ed è stato approvato con 6 voti favorevoli e 2 astenuti.

Traguardi importanti

“Iniziamo questa conferenza di fine anno con uno spirito nuovo perché poco fa si è concluso il Consiglio Provinciale e dopo tantissimi anni abbiamo approvato il bilancio per l’anno 2021 nei termini previsti evitando l’esercizio provvisorio” – Così il Presidente Lattanzi ha aperto la videoconferenza, ribadendo come nonostante l’anno difficile che si sta per concludere, il lavoro svolto dalla Provincia si sia rivelato eccellente, tanto da segnare un punto di svolta per lo stesso ente.

“Bilancio prudenziale”

“È un bilancio prudenziale – ha spiegato Lattanzi – come è nel nostro stile e nella nostra visione, ma nello stesso tempo di svolta, perché segna un cambio di passo dell’ente. Il merito dei risultati che siamo riusciti a raggiungere – ha aggiunto – è del lavoro di squadra che ha visto il Consiglio nella sua interezza, sia nelle forze di maggioranza sia nella minoranza che non ha fatto opposizione preconcetta, ma anzi, ha molto spesso aiutato e lavorato per il raggiungimento di alcuni obiettivi, nonché di tutta la struttura dell’ente. Ciò nonostante la rilevante mancanza di personale che vede molti uffici lavorare al di fuori delle disponibilità di persone e tempo. Oggi ci presentiamo con un avanzo di amministrazione presunto di 2 milioni 160 mila euro, una cifra importante che consente di uscire dalla fase di predissesto che avevamo deliberato nel 2016 a seguito della mancata approvazione del bilancio del 2014 e del 2015, con un larghissimo anticipo sui tempi previsti”.

Investimenti per viabilità ed edilizia scolastica

Lattanzi ha posto l’accento anche sugli investimenti fatti nelle due deleghe fondamentali, ovvero viabilità ed edilizia scolastica.

“Per quanto riguarda la viabilità quest’anno abbiamo investito sulle strade provinciali 4 milioni 100mila euro per una rete di circa 650 km, mentre un milione 650 mila euro per le strade ex Anas, una rete di circa 150 km. Abbiamo cercato di recuperare una situazione che in talune arterie era disastrosa, un abbandono forzato che si trascinava dà una decina di anni. Abbiamo anche effettuato una programmazione per quanto riguarda il prossimo triennio per circa 5 milioni di euro”.

“In merito all’edilizia scolastica, la Provincia di Terni ha 21 edifici di scuole superiori sparsi sul territorio, sono stati effettuati interventi per 3 milioni e mezzo e stiamo definendo un parco progetti per altri 4 milioni. La situazione particolare dovuta al Covid ci ha portato a dover intervenire per aumentare gli spazi a disposizione degli studenti e in questo caso abbiamo speso 550.000 euro.”

Accordo con la Ternana Calcio

Grande soddisfazione da parte del Presidente Lattanzi anche per l’accordo, da lui definito storico, con la Ternana Calcio per la gestione dell’impianto sportivo di Sabotino: 

“Credo di poter citare come punto di eccellenza l’impianto di Sabotino, inaugurato nei mesi scorsi dalla Ternana calcio, che rischiava di finire nel degrado più assoluto. Il Sabotino restituisce alla città un polo calcistico di primo piano, contribuisce a radicare la società rossoverde sul territorio e crea spazi concreti per la crescita sana dei giovani. La situazione del pattinodromo, invece, è ancora da definire, ma siamo avviati su un percorso abbastanza giusto e lineare”. 

Riforma provinciale

Infine, per quanto concerne il mancato processo di riforma delle Province, il presidente ha sottolineato che “per la Provincia di Terni si può aprire una nuova fase di confronto con la Regione in merito alle deleghe che le sono state affidate con la legge 56 riguardante la riforma delle Province. Abbiamo ancora molto da definire per la riappropriazione di deleghe importanti sulle quali la Provincia svolgeva funzioni essenziali. Tra queste èz opportuno ricordare le deleghe all’ambiente e ai controlli ambientali, sia sul versante delle attività economiche che su quello dell’abbandono dei rifiuti, problema quest’ultimo, cresciuto in modo preoccupante negli ultimi anni. Oggi abbiamo un ente che sta riprendendo il suo ruolo, di nuovo riconosciuto e riconoscibile dalle nostre comunità. La Provincia, subito dopo i Comuni, è l’ente di riferimento più diretto ed immediato per i cittadini”.

di Alessia Marchetti

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!