Paolo Savona, papabile Ministro dell’Economia è un folignate d’adozione

Paolo Savona, papabile Ministro dell’Economia è un folignate d’adozione

Il professore è ancora Presidente del Comitato Scientifico di Nemetria | Acquistò ben due case in centro storico

share

Paolo Savona, il professore universitario, già ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato nell’ultimo governo della Prima Repubblica, guidato da Carlo Azeglio Ciampi è il personaggio al centro delle trattive per la formazione del nuovo Governo. Ebbene, se tutto dovesse andare in porto, Foligno potrebbe avere un super ministro da considerarsi a tutti gli effetti d’adozione. Basti pensare che Savona, particolarmente legato alla famiglia Radi e a Nemetria, di cui è Presidente del Comitato Scientifico, aveva acquistato in pieno centro storico ben due case ed ‘al centro mondo’ vanta ancora numerosi amici e conoscenti.

Dopo il via libera da parte del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, al professor Giuseppe Conte per formare l’esecutivo a guida Movimento Cinque Stelle – Lega, ora il nodo è proprio sull’indicazione del futuro del Ministro dell’Economia. L’ottantaduenne professore sardo, già direttore generale di Confindustria, amministratore delegato della Banca Nazionale del Lavoro, presidente del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, vanta infatti, nel suo ricchissimo curriculum, come detto, anche il ruolo di presidente del comitato scientifico di Nemetria a Foligno.

Paolo Savona, insieme a Giuseppe De Rita attuale presidente del Censis, Angelo Maria Petroni, già consigliere d’amministrazione Rai, ed al compianto Leonello Radi, presidente dell’allora Cassa di Risparmio di Foligno, è stato infatti tra i fondatori dell’autorevole associazione folignate, che si occupa di approfondire il rapporto tra etica ed economia, attraverso numerose iniziative e modalità, ma in particolar modo con la conferenza annuale, che lo scorso anno, sempre a Foligno, in occasione dei 25 anni di attività, ha visto la partecipazione straordinaria dello stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Paolo Savona, considerato oggi ‘economista sovranista’ è, suo malgrado, uno scoglio per la formazione del Governo, anche se, nelle intenzioni di Salvini e Di Maio, dovrebbe esserne la pietra angolare.

A confermare l’amore di Savona per la città della Quintana, la segretaria generale di Nemetria, Laura Radi, alla quale lo lega anche un rapporto di amicizia personale e familiare. “Il professor Savona – ricorda – proprio qui aveva acquistato due case, una in piazzetta del Suffraggio, difronte all’Oratorio della Nunziatella, nello stabile moderno realizzato da Franco Antonelli. L’altra, era un appartamento al piano nobile di uno storico palazzo lungo via Umberto I, a pochi metri da Palazzo Orfini, sede, per l’appunto, di Nemetria. Non si è perso una conferenza, sin dalla sua fondazione – fa sapere con orgoglio Laura Radi – solo recentemente non è potuto intervenire perché impegnato all’estero, ma il suo ruolo di presidente del Comitato Scientifico lo ha sempre portato avanti con grande impegno, e continua a farlo – sottolinea – la partecipazione di presidenti della Repubblica, tra i quali Carlo Azeglio Ciampi, di numerosi premi Nobel e personaggi di spessore mondiale dell’economia, sono dovute anche alla sua autorevole presenza”.

A Foligno c’è chi ancora conserva gelosamente in rubrica il numero del candidato in pectore alla carica di Ministro dell’Economia, e nella città della Quintana vanta numerosi amici. Tutti lo descrivono come una persona modesta, disponibile e con una raffinatezza d’altri tempi.

Intanto a Nemetria sono già al lavoro per la Conferenza su Etica ed Economia, in calendario per ottobre, e la presenza di Paolo Savona, è data comunque per scontata, forse come Ministro dell’Economia – e sarebbe un risultato storico – o comunque come Presidente del Comitato Scientifico. Una cosa è certa, il legame con ‘il centro del mondo’ è destinato a durare nel tempo.

share

Commenti

Stampa