Orgoglio Ternana, 2-1 alla Cremonese | Rossoverdi lanciano la corsa salvezza

Orgoglio Ternana, 2-1 alla Cremonese | Rossoverdi lanciano la corsa salvezza

Tre punti di lusso per De Canio

share

“Non ci dormo la notte per salvare la Ternana” aveva detto Luigi De Canio alla vigilia della partita interna contro la Cremonese e, probabilmente, il tecnico rossoverde ha passato la notte in bianco.

Una vittoria fondamentale, non senza qualche sofferenza. Finalmente. I tre punti mancavano da 2 mesi e mezzo in casa rossoverde e quelli ottenuti oggi sul campo del “Liberati”, contro un avversario difficilissimo come la Cremonese, sono puro ossigeno e un segna(21 dicembre contro la Pro Vercelli) le per lanciare la volata per la salvezza finale.

Tempo 3 partite di rodaggio e De Canio è riuscito a ricostruire un equilibrio tattico quasi adeguato, con fiducia a Tremolada, un Montalto sempre più rivelazione e un centrocampo robusto, ma ancora da rivedere, in entrambe le fasi. Meglio anche la difesa, anche se le disattenzioni sono un male cronico della retroguardia rossoverde, che si conferma però la più battuta in campionato. Si gioca sulle corsie esterne e proprio da un’incursione sulla sinistra di Favalli al 7′ arriva il primo gol rossoverde. Perfetto cross dell’esterno rossoverde e incornata possente di Montalto che buca Ujkani.

La Ternana trae beneficio dal vantaggio e gioca in attacco, dove comincia a farsi vedere anche Piovaccari che fino a questo momento è rimasto oggetto misterioso del mercato di gennaio. Ci provano anche Tremolada e Montalto senza fortuna, ma è Defendi a trovare lo spunto giusto al 42′. Ancora perfetto cross dalla sinistra di Favalli e ancora di testa il centrocampista di De Canio incorna di testa per il 2-0.

La Cremonese si è dimostrata insolitamente timida in attacco nella prima frazione, ma nella ripresa gli ospiti aumentano i giri mettendo sotto pressione la difesa rossoverde che mostra più di un problema, ma riesce a tenere. Cavion, Brighenti e Castrovilli fanno le prove generali del gol che arriva puntuale al 23′ con Cavion che, dimenticato in area dai difensori, raccoglie un cross dalla destra e mette dentro il 2-1.

La Cremonese ora ci crede e la Ternana non riesce a ripartire come dovrebbe visto che gli ospiti sono spesso sbilanciati e lasciano praterie ai possibili contropiede rossoverdi. Faticosa gestione della palla che non consente alla squadra di De Canio di controllare agevolmente il vantaggio, anzi; al 35′ clamorosa occasione per Scappini che a porta sguarnita, sugli sviluppi di un corner, si vede respingere il tiro sulla linea di porta da un difensore rossoverde. La partita è molto spezzettata con la Ternana che ricorre al continuo fallo tattico per tenere lontani gli avversari dall’area di Sala che ha disputato una partita davvero convincente. La Cremonese dopo una parte centrale della seconda frazione di grande intensità non riesce più ad essere incisiva e la Ternana riesce a controllare fino alla fine il vantaggio finale.

Vincere era l’unica cosa che contava e pazienza qualche errore o disattenzione di troppo. Ricostruire morale, muovere la classifica, ridare entusiasmo, erano aspetti più importanti da sollecitare rispetto alla ‘perfezione’ tattica. Ovviamente c’è tanto da lavorare in difesa, da registrare il centrocampo, ma con una vittoria e il morale alto sarà un lavoro decisamente meno difficile per il tecnico rossoverde.

 

TERNANA (4-3-1-2): Sala; Vitiello, Rigione, Signorini, Favalli; Defendi, Paolucci (27’st Zanon). Signori (26’st Varone); Tremolada; Montalto (21’st Albadoro), Piovaccari. A disp.: Plizzari, Bordin, Angiulli, Capitani, Carretta, Repossi, Statella, Finotto. All. De Canio

CREMONESE (4-3-1-2): Ujkani; Cinaglia, Canini, Dos Santos, Renzetti; Cavion, Arini, Macek (10’st Piccolo); Castrovilli (35’st Perrulli); Scappini, Scamacca (10’st Brighenti). A disp.: Ravaglia, D’Avino, Garcia Tena, Marconi, Procopio, Cinelli, Sbrissa, Gomez, Perrulli. All. Tesser

ARBITRO: Di Martino di Giulianova (Colella-Sechi)

MARCATORI: 7’pt Montalto (T), 42’pt Defendi (T), 23’st Cavion (C)

Ammoniti: Claiton Dos Santos, Piccolo (C); Piovaccari (T)

share

Commenti

Stampa