Incendio rifiuti Maratta, picco di diossina | Disposti ulteriori accertamenti - Tuttoggi

Incendio rifiuti Maratta, picco di diossina | Disposti ulteriori accertamenti

Luca Biribanti

Incendio rifiuti Maratta, picco di diossina | Disposti ulteriori accertamenti

Ven, 20/08/2021 - 10:30

Condividi su:


L'assessore Salvati "Si può affermare che l’incendio abbia avuto un impatto limitato nella qualità dell’aria del giorno 12 agosto 2021 e seguenti"

Nel tardo pomeriggio di ieri 19 agosto ARPA ha comunicato al Comune ed Usl i risultati della campagna di misura della qualità dell’aria attivata a seguito dell’incendio sviluppatosi presso l’inceneritore ASM di Maratta. ARPA, nella sua relazione, ha evidenziato nella giornata del 12/08/2021, un incremento di alcuni inquinanti quali PCDD/F, IPA e di quei metalli legati alla combustione (As, Cd e Pb).

Incrementi sotto controllo

“Tali incrementi sono stati molto contenuti e di breve durata, già dalla giornata del 13/08/2021 le concentrazioni sono scese a livelli analoghi ai giorni precedenti all’incendio ed in linea con le medie del periodo – spiega l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati, che aggiunge – Tali inquinanti sono stati ricercati, oltre che nelle polveri inalabili, anche nel materiale sedimentabile”.

Picchi di diossina, Pcb e Ipa

I valori rilevati nella centralina di Maratta hanno evidenziato nella giornata del 12/08/2021 una concentrazione di diossina Pcb e Ipa superiore a quella indicata dalla Commissione Consultiva Tossicologica per gli ambienti esterni, “ma che è rientrata nella normalità già dal giorno successivo all’incendio e nei giorni a seguire” – spiega la Salvati che aggiunge: “Vista la breve durata dell’evento, la modestissima quantità di rifiuti interessati dall’incendio e gli esiti dell’attività di monitoraggio della qualità dell’aria ambiente si può affermare che l’incendio abbia avuto un impatto limitato nella qualità dell’aria del giorno 12 agosto 2021 e seguenti, come dimostrano i dati sui metalli, IPA, gas e particolato atmosferico (PM)“.

Ulteriori accertamenti

Anche se i valori non destano particolari preoccupazioni, essendosi rilevato un incremento di Diossine nelle concentrazioni giornaliere del 12 agosto, sia nel particolato atmosferico che nelle deposizioni, “a fini della modifica/integrazione /revoca dell’ordinanza emanata dal Sindaco a seguito dell’incendio, USLUmbria2 – sottolinea la Salvati – procederà a valutazioni sulle matrici alimentari in aree coltivate eventualmente contenute all’interno dell’area di massima ricaduta degli inquinanti così come individuata dal modello elaborato da Arpa”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!