Il Gonfalone di Raffaello in restauro alla Pinacoteca comunale

Il Gonfalone di Raffaello in restauro alla Pinacoteca comunale

Redazione

Il Gonfalone di Raffaello in restauro alla Pinacoteca comunale

Sab, 05/06/2021 - 13:22

Condividi su:


Da qualche giorno l'opera è oggetto di un intervento di valutazione, con la supervisione dell’Istituto Centrale del restauro di Roma

Iniziato nella Pinacoteca comunale di Città di Castello il restauro del Gonfalone della Santissima Trinità di Raffaello.

Da qualche giorno l’opera è infatti oggetto di un intervento, con la supervisione dell’Istituto Centrale del restauro di Roma, che ieri ha fatto un sopralluogo per coordinare il lavoro delle due professioniste incaricate.

“Un momento emozionante e proiettato verso la mostra di settembre” dichiara l’assessore alla Cultura Vincenzo Tofanelli, sottolineando come “una volta messa a regime la convivenza del cantiere di restauro con la vita del museo che ha riaperto e che sta accogliendo già molti visitatori, approfondiremo gli aspetti del restauro con le esperte che effettueranno in prima persona il lavoro. Vogliamo che questo passaggio sia conosciuto e diventi uno dei motivi per cui venire a visitare la Pinacoteca di Città di Castello. Non è così frequente che si intervenga su un tela del Quattrocento ma è ancora meno frequente assistere a come sia possibile farlo a distanza ravvicinata”.

“Documenteremo le fasi salienti” conclude Tofanelli, sottolineando come “nel frattempo prosegue la preparazione della mostra Raffaello Giovane e il suo sguardo, che si terrà in Pinacoteca, a partire dal 18 settembre e a cura di Marica Mercalli e Laura Teza. Sarà un allestimento molto interattivo con approfondimenti dedicati alla fase cruciale di Raffaello, perché a Città di Castello da allievo diventa maestro. Torneranno simbolicamente grazie alla tecnologia le opere commissionate qui, che ora valorizzano gallerie internazionali come la National Gallery, e alcuni importanti documenti della sua attività, anche preparatoria. Consideriamo la mostra un segno tangibile della ripartenza e dell’immagine di Città di Castello come porta rinascimentale dell’Umbria”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!