Grifo corsaro: 2-1 alla Spal | Le pagelle

Grifo corsaro: 2-1 alla Spal | Le pagelle

Massimo Sbardella

Grifo corsaro: 2-1 alla Spal | Le pagelle

Lun, 01/11/2021 - 16:10

Condividi su:


Partita ricca di emozioni a Ferrara: Mancosu risponde a Curado, poi si fa parare il rigore da Chichizola | Non sbaglia invece dal dischetto De Luca

Il Grifo si dimostra squadra da trasferta e passa a Ferrara 2-1 sulla Spal al termine di una partita ricca di colpi di scena. Perugia in vantaggio con Curado, pari dei padroni di casa con Mancosu. Chichizola para un rigore a Mancosu.

Nella ripresa gol annullato alla Spal per fuorigioco. Il Perugia sbaglia due grandi occasioni, poi nel finale il rigore concesso ai biancorossi di Alvini per atterramento di Rosi. Dal dischetto De Luca, subentrato a Murano, non sbaglia.

Il Perugia incassa la prima rete in trasferta in questo campionato, ma si conferma imbattuto fuori dal Curi e soprattutto torna a casa con 3 punti pesantissimi.

La cronaca

Gara ricca di emozioni già nel primo tempo. Passano appena 3 minuti e il traversone di Crociata dalla destra, dopo aver attraversato tutta l’area del Perugia, si stampa sul palo.

Tra l’11’ e il 12′ Melchiorri ha due occasioni, complice le incertezze di Rosi: sulla prima sbaglia l’impatto col piattone sotto porta, nella seconda stacca di testa da solo e manda la palla sopra la traversa.

Il Perugia risponde con Murano che sull’imbucata di Lisi scappa alla difesa biancoceleste, ma solo davanti a Seculin si fa deviare il tiro dal portiere della Spal. Sul corner battuto da Burrai Curado svetta e gira la palla in rete per il vantaggio del Perugia.

Il Grifo ha l’occasione per raddoppiare ancora su calcio d’angolo, ma prima Angella e Segre si ostacolano, poi Murano, sempre di testa, manda la palla a colpire la parte superiore della traversa. Sul ribaltamento di fronte Angella lascia sfilare alle sue spalle Mancusu, non seguito da Santoro, e la Spal trova il pari.

La partita vive di continui ribaltamenti di fronte, tra belle giocate e errori difensivi. Quello di Chichizola in uscita sul pallone crossato basso da Colombo rischia di favorire Mancosu, ma Lisi riesce a liberare.

Al 38′ episodio che può cambiare il match: palla filtrante per Melchiorri, sul quale è in vantaggio Rosi. L’ex perugino sembra aiutarsi con le mani sul difensore del Perugia, che poi dentro l’area cade e lo tocca. L’arbitro fischia un rigore molto dubbio, che il check del Var conferma. Dal dischetto va Mancosu che angola male e consente a Chichizola di bloccare il pallone alla sua destra.

Dopo lo sventato pericolo il Perugia ha due occasioni per ritornare in vantaggio. Falzerano in contropiede mette in area un pallone velenoso, Segre arriva sul secondo palo ma in scivolata incredibilmente manda fuori. Nel recupero Rosi arriva al cross dal fondo, Santoro di testa manda la palla di un soffio sopra la traversa.

E le emozioni al Mazza non mancano neanche nella ripresa. In avvio Pesa appoggia in rete dopo la respinta di Chichizola sulla conclusione di Colombo, partito alle spalle di Burrai. L’arbitro annulla, dopo un lunghissimo check.

Colombo ci prova ancora sul buco di Curado, ma non inquadra la porta.

Il Perugia si fa vedere dalle parti di Seculin al 18′, quando il portiere della Spal anticipa Matos sul traversone di Falzerano.

Serie di cambi, con Alvini che mette dentro De Luca e Kouan per provare a vincerla. E i due sono subito pericolosi. Al 27′ il diagonale dell’attaccante finisce fuori di un soffio. Kouan alza incredibilmente sopra la traversa di testa con la porta completamente spalancata.

Ci prova anche la Spal. Angella al 35′ anticipa in area Piscopo.

Ma al 40′ l’episodio chiave: Rosi si inserisce nella difesa estense e da dietro viene toccato in maniera irregolare da Mora. L’arbitro decreta il rigore, che De Luca trasforma.

All’ultimo minuto palla pericolosa scodellata in area da Mancosu, ma Chichizola si prende il pallone. E il Perugia i 3 punti.

Tabellino e pagelle

Spa – Perugia 1-2
18′ pt Curado (P), 26′ pt Mancosu (S), 40′ st De Luca (P) rig.
38′ pt Chichizola para un rigore a Mancosu

Spal: Seculin 6.5, Tripaldelli 6, Esposito 6, Mora 5, Vicari, Pesa 6.5 (30′ st Celia 6), Coccolo 5.5, Crociata 6 (24′ st De Riva6), Mancosu 6, Colombo 6.5, Melchiorri 6 (24′ st Piscopo 6). All. Clotet 5.5. A disp.: Pomini, Thiam, Ayoub, Zuculini, Ellertsson, Spaltro, Heidenreich, Celia, Nador, D’Orazio.

Perugia: Chichizola 7.5, Rosi 6, Angella 7 (42′ st Sgarbi sv), Segre 6.5, Burrai 7, Curado 7, Falzerano 6.5, Santoro 6 (19′ st Kouan 6), Matos 7 (42′ st Vanbaleghem sv), Murano 5.5 (19′ st De Luca 7), Lisi 6.5 (24′ st Ferrarini 6.5). All.: Alvini 7. A disp.: Fulignati, Righetti, Gyabuaa, Murgia, Ghion, Bianchimano, Zanandrea. 

Arbitro: Luca Zufferli di Udine (Niccolò Pagliardini di Arezzo e Marco D’Ascanio di Ancona) IV° ufficiale: Mattia Caldera di Como VARFederico Dionisi di L’Aquila AVAREmanuele Prenna di Molfetta.

La partita dei Grifoni

Chichizola 7.5: perde l’imbattibilità esterna nel giorno in cui para il rigore che tiene a galla il Perugia. Mette i brividi ai tifosi biancorossi su alcune giocate con i piedi. Incerto in due uscite.

Rosi 6: nel primo tempo concede due chances a Melchiorri, che l’ex biancorosso spreca. Ingenuo sul rigore poi concesso generosamente dall’arbitro. Un giocatore della sua esperienza non dovrebbe correre simili rischi, anche perché c’era Angella al raddoppio. Nel finale due sue incursioni danno prima una grande occasione al Grifo e poi il rigore che vale la vittoria.

Angella 6.5: solita partita solida, contro un cliente difficile come Colombo. Si lascia sfilare Mancosu alle spalle, pensando ad una copertura che non c’è (42′ st Sgarbi sv: entra quando c’è da difendere il vantaggio e fa il suo, anche se il Perugia rischia l’imbucata proprio nel recupero).

Segre 6.5: nel suo ex stadio va a cercare il gol, ma risulta impreciso. Buona comunque la sua partita in fase di possesso palla.

Burrai 7: torna in campo e il Perugia ritrova il gioco. Dal suo piede anche il corner che porta al vantaggio biancorosso.

Curado 7: girata di testa da centravanti per il vantaggio del Perugia. Buona la sua prestazione anche in fase difensiva, nonostante anche lui si faccia sfilare Mancosu per il momentaneo pari dei padroni di casa.

Falzerano 6.5: motorino perpetuo, prima a destra, poi a sinistra quando esce Lisi. I compagni non premiano sotto porta alcuni suoi traversoni interessanti.

Santoro 6: non segue Mancosu, libero di colpire tutto solo in area. Sfiora il vantaggio di testa sul finire del primo tempo (19′ st Kouan 6: contribuisce al cambio di marcia del grifo nel finale. Sul voto pesa l’incredibile errore di testa, con la porta spalancata. Solito discorso: se avesse di più anche il vizietto del gol…).

Matos 7: parte un po’ in sordina, ma poi sale in cattedra, giocando per i compagni che però non premiano le sue intuizioni (42′ st Vanbaleghem sv: solidità per i minuti finali quando c’è da stringere i denti).

Murano 5.5: tanto impegno, ma la porta proprio non riesce a vederla. Come quando si fa ipnotizzare da Seculin. Di testa colpisce la parte alta della traversa (19′ st De Luca 7: la panchina sembra avergli dato la giusta carica. Entra e prova a beffare Seculin con un diagonale che finisce a lato di poco. Mette sempre in apprensione i difensori della Spal. E’ lucido nel siglare dal dischetto il vantaggio che vale 3 punti).

Lisi 6.5: solita generosità, progressi rispetto alla prestazione scialba contro la Reggina, anche se non è ancora al meglio (24′ st Ferrarini 6,5: si dimostra un’opzione affidabile per la fascia). 

All. Alvini 7: una vittoria che premia anche il coraggio dell’allenatore, al di là degli episodi che hanno deciso una partita ricca di emozioni. I 3 punti arrivano grazie anche ai suoi cambi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!