Fondazione CariFol: al San Domenico e online c'è "Musica e potere"

Fondazione CariFol: sui social e al San Domenico c’è “Musica e potere”, il musiracconto di Virman Cusenza e Marco Scolastra

Redazione

Fondazione CariFol: sui social e al San Domenico c’è “Musica e potere”, il musiracconto di Virman Cusenza e Marco Scolastra

Gio, 01/04/2021 - 18:05

Condividi su:


Fondazione CariFol: sui social e al San Domenico c’è “Musica e potere”, il musiracconto di Virman Cusenza e Marco Scolastra

Si tratta del musiracconto del giornalista Virman Cusenza

La musica ammutolita e il potere – la politica – che grida. Anche in tempi di pandemia. Voci che oggi si alzano, mentre l’arte vive nei monitor, nel silenzio dei teatri chiusi. Un nervo oggi più che mai scoperto sul quale si innesta con straordinaria attualità “Musica e Potere”, racconto-concerto nato in tempi non sospetti da un’idea e su testo del giornalista musicofilo Virman Cusenza – già direttore de Il Messaggero -, con la consulenza musicale del pianista Marco Scolastra.

Lunedì di Pasqua online

Una prima assoluta che vedrà entrambi in scena, Cusenza voce narrante, il 5 aprile, Lunedì di Pasqua, alle 17, uno streaming che dall’Auditorium San Domenico di Foligno approderà sui canali Facebook e YouTube della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno promotrice dell’iniziativa. Incalzante, serrato, illuminante, il dialogo tra parole e spartito svelerà come tra «Musica e potere il rapporto sa di sfida – commenta Cusenza -. Impalpabile e inafferrabile la prima. Tangibile esercizio della forza il secondo. Pronti ad entrare in conflitto nel corso della storia».

Una vicenda avvincente che la pièce ripercorre con un viaggio nei tre secoli chiave, dal Settecento al Novecento, in cui tutto è cambiato nella relazione tra il musicista e il suo mecenate o, in certi casi, il suo padrone. Con l’artista che da suddito si è fatto cittadino e il committente, da padrone e sovrano, s’è trasformato in prezioso interlocutore. E sulle parole di Cusenza il pianoforte irrompe, infrange, commuove o rallegra, facendosi pensiero e azione, sulle note dei più grandi di ogni tempo affidate a Marco Scolastra. E si incontrano Carl Philipp Emanuel Bach, Beethoven, Rossini, infine Casella e Šostakovič. La narrazione pulsa incrociando le epoche di Federico il Grande di Prussia, Napoleone e del Congresso di Vienna, fino ad arrivare a Mussolini e Stalin. Per capire chi, alla fine, le ha “suonate” meglio.

L’appuntamento clou della Fondazione CariFol

Appuntamento clou di un fitto programma di eventi messo in campo dalla Fondazione folignate, il racconto è coinvolgente e colto, esplorazione coraggiosa e profonda, perché, esordisce in apertura l’autore/narratore, «La musica e il potere: cosa c’è in fin dei conti di più̀ distante? Eppure, l’arte che punta a gareggiare con l’armonia degli astri, impalpabile e inafferrabile com’è, nel corso della storia è stata oggetto di brama da parte del più̀ concreto e tangibile esercizio della forza, strumento per convincere la sua platea della bontà̀ delle proprie idee».

E i protagonisti sopraggiungono, Carl Philip Emanuel Bach che ad un certo punto della sua vita rompe lo schema del musicista abbarbicato ad una corte. Sarà invece poi Mozart a fare un salto di qualità̀ su quella strada, ma è con Beethoven che si compie il balzo da cui non si torna più̀ indietro, quello che libera l’artista come Prometeo dalla catena di una schiavitù̀ ed una dipendenza: quella dal potere, appunto. Fino al XX secolo, quando l’epilogo porta il suo verdetto inesorabile: il trionfo della musica sul potere, in una libertà creativa con la quale in questi giorni ci troviamo, sempre più, a fare i conti.

L’augurio di Pasqua del presidente Tonti

Uno straordinario augurio di Buona Pasqua che il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, Umberto Tonti, dedica alla città e all’Italia tutta, con “L’auspicio che in questa particolare fase di incertezza e di complessità, si possano comunque condividere eventi culturali che testimoniano non solo la vicinanza alla comunità, ma anche lo spirito e la qualità che ha sempre animato l’azione della Fondazione nella decisiva opera di promozione e diffusione della cultura“.

Compositori e brani

Ludwig van Beethoven: Var. I da Variazioni Diabelli op. 120; Carl Philipp Emanuel Bach: Allegro di molto dalla Sonata H 59; Ludwig van Beethoven: Adagio cantabile dalla Sonata op. 13 “Patetica”; Gioachino Rossini: Assez de memento, dansons; Alfredo Casella: 3 pezzi da Undici pezzi infantili op. 35; Dmitrij Šostakovič: Preludi n. 22 e n. 3 da Preludi e fughe op. 87.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!