Elezioni, vince sinistra e centro-sinistra-Vinti "Risultato che parla anche all'Umbria" - Tuttoggi

Elezioni, vince sinistra e centro-sinistra-Vinti “Risultato che parla anche all'Umbria”

Redazione

Elezioni, vince sinistra e centro-sinistra-Vinti “Risultato che parla anche all'Umbria”

Mar, 11/06/2013 - 15:37

Condividi su:


di Stefano Vinti (*)

Il risultato dei ballottaggi parla chiaro: le larghe intese, il governo Pd-Pdl, sono state nettamente sconfitte.

Dal nord al sud del Paese, la sinistra e il centro-sinistra surclassano Pdl, Lega e M5S, con la vittoria di Marino a Roma, che quasi doppia, in termini di consensi, Alemanno.
L’accordo oligarchico che ha portato al governo Letta/Alfano esce letteralmente smentito dalle urne delle comunali.
Nel Paese, nonostante tutto, c’è voglia di alternanza e di cambiamento, c’è voglia di uscire da una tragica politica economica dell’austerità che produce disoccupazione e recessione economica.
Anche i dati pubblicati ieri: – 2,4% di PIL; – 4,6% della produzione, ci dicono in quale precipizio ci hanno cacciato i governi Berlusconi e Monti, e quanto sia inadeguato questo governo Letta/Alfano a trovare la strada per uscire dalla crisi.
Le elezioni confermano lo sfarinamento del Pdl e della Lega, interrotto solo momentaneamente dal capolavoro di Berlusconi alle politiche e dall’altro capolavoro della coalizione Italia-Bene comune, quando 6 milioni di voti hanno abbandonato il Cavaliere.
Il M5S sul territorio non è in grado di capitalizzare l’incredibile 25% di febbraio, racimolando risultati modesti.
Il dato ci conferma l’abissale disaffezione dell’elettorato, travolto dalla crisi e insoddisfatto da una offerta politica in grado di proporre una alternativa credibile sul piano economico e sociale al liberismo.
Il risultato parla anche della nostra Umbria in vista della tornata elettorale che dovrà rinnovare i governi delle città il prossimo anno.
Ripartire dalla coalizione di centro-sinistra, rinnovandola ed adeguandola alla crisi economica, che in Umbria, più che altrove fa sentire i suoi pesanti effetti.
In Umbria occorre costruire un nuovo progetto, alternativo alle politiche dell’austerità e che definisca una nuova idea della nostra regione e dei suoi territori, per un nuovo sviluppo compatibile e sostenibile, di qualità, per un nuovo welfare in grado di una offerta di servizi pubblici al servizio di “tutti”, per i beni comuni e contro le privatizzazioni, per il reddito minimo garantito e che metta al centro il lavoro e i diritti sociali, intrecciati ad una nuova idea di democrazia partecipata.
In questo quadro è urgente la riorganizzazione unitaria del campo della sinistra umbra, che vada oltre le attuali frantumazioni e parli, di nuovo, a tutta la società regionale aprendo una enorme prospettiva sociale e culturale, avendo l’ambizione di costruire un futuro fuori dalle angustie e le ingiustizie del liberismo.

(*) Assessore regionale lavori pubblici

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!