Ecco le proposte della Confcommercio ai candidati sindaco, saranno chiamati uno ad uno - Tuttoggi

Ecco le proposte della Confcommercio ai candidati sindaco, saranno chiamati uno ad uno

Claudio Bianchini

Ecco le proposte della Confcommercio ai candidati sindaco, saranno chiamati uno ad uno

I negoziati chiamati a raccolta da Aldo Amoni hanno elebarato proposte e richieste sui principali temi della città
giovedì, 02/05/2019 - 18:01

Condividi su:


Ecco le proposte della Confcommercio ai candidati sindaco, saranno chiamati uno ad uno

Commercianti di Foligno a raccolta, in vista delle prossime elezioni comunali: a convocarli, oggi pomeriggio, in un’assemblea aperta allo Zut di Corso Cavour, il presidente della Confcommercio territoriale, Aldo Amoni.

Un’occasione per poter stilare un preciso elenco di rihieste da sottoporre poi ai sei candidati sindaco.

Gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino non saranno convocati tutti insieme, onde evitare eventuali polemiche e confusione, ma verranno incontrati uno ad uno per poter approfondire le tematiche.

La priorità è quella della concertazione e compartecipazione degli operatori economici alle scelte della futura amministrazione. “Basta con i tavoli e con le decisioni calate dall’alto senza tenere conto dei diretti interessati – spiega Aldo Amoni – vogliamo un’interlocuzione costante, mensile quando serve e comunque trimestrale per programmare insieme quel che riguarda il terziario”.

I commercianti presenteranno anche la loro ricetta per il recupero dell’area dell’ex Zuccherificio. “Noi siamo favorevoli al progetto della Parco della Scienza e sosterremo la necessità di realizzare anche un grande contenitore polifunzionale – fa sapere il presidente della Confcommercio – capace di ospitare eventi culturali, teatrali e sportivi. Questo può creare valore aggiunto al centro storico ed all’intera città. Per quanto riguarda i negozi – precisa – servono una decine di attività altamente specializzate, pensiamo ad un artigianato di qualità, all’alta moda o alle nuove tecnologie”.

I commercianti chiedono poi di rimettere mano all’organizzazione delle zone periferiche de La Paciana e di Sant’Eraclio, con riqualificazione e rilancio ma anche dicendo basta a nuove medie e grandi superfici.

La Confcommercio vuole più impegno per le frazioni e per la montagna, ed anche una strategia precisa in merito alle opportunità offerte della nuova Val di Chienti.

“Dobbiamo portare i flussi anche verso Foligno – rilancia Aldo Amoni – grazie ad una promozione turistica e territoriale che riguardi città, Val Menotre e montagna, così come gli eventi e il commercio”.

Pronti a collaborare per un salto di qualità della Movida ed a fare la propria parte sul fronte della vigilanza e della sicurezza, in tutto il territorio comunale.


Condividi su:


Aggiungi un commento