Dopo quasi 3 anni anche a Castelluccio ci sono le Sae | Foto

Dopo quasi 3 anni anche a Castelluccio ci sono le Sae | Foto

Consegnate le chiavi delle 8 Sae, sono una tipologia unica rispetto a tutte le altre. Altre 16 casette assegnate a Norcia capoluogo

share

Dopo quasi 3 anni finalmente anche a Castelluccio qualcuno potrà ritornare a vivere. Sono state infatti consegnate le 8 Sae previste nella frazione più alta di Norcia.

“Consegnare le chiavi oggi a Castelluccio è un’emozione diversa rispetto alle altre – ha detto il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno – . Questa consegna arriva dopo molto tempo, dovuto ad una serie di passaggi, dal rifacimento della strada per arrivare a Castelluccio, il clima particolarmente rigido dell’inverno, la burocrazia, gli usci civici. Credo che oggi – prosegue – gli assegnatari possano essere soddisfatti di queste strutture, per la tipologia delle abitazioni, uniche nel cratere, e particolarmente adeguate al luogo e uniche nel cratere. Ancora una volta oggi è la dimostrazione che se le Istituzioni lavorano insieme si raggiungono traguardi importanti. Grazie per la pazienza con la quale avete aspettato questo momento, ultimo traguardo della gestione dell’emergenza. Ora continuiamo a lavorare in ogni sede e su tutti i tavoli per far sì che la ricostruzione possa accelerare” ha concluso Alemanno. Le Sae di Castelluccio sono costruite in una sorta di condominio, nell’area dove c’era la scuola, e suddivise in otto appartamenti da 60 e 40 mq dislocati su due piani.

“Con la consegna di queste 8 Sae anche Castelluccio  esce definitivamente dalla fase dell’emergenza. Quella di oggi è una giornata importante, ed anche di festa, perché finalmente abbiamo restituito un alloggio alla gente di questo straordinario luogo. Ai ‘castellucciani’ va un ringraziamento particolare per essere stati pazienti, ma anche per la loro grande forza e determinazione con cui guardano al futuro ed alla rinascita”. È quanto affermato dal presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, nel corso della cerimonia di consegna delle chiavi agli abitanti di Castelluccio, assegnatari delle SAE, cui hanno partecipato – tra gli altri – il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, presente anche il direttore generale della Regione, Alfiero Moretti, dirigenti e tecnici della Protezione Civile nazionale e regionale.

Nella giornata odierna sono state consegnate anche le ultime SAE realizzate nell’area industriale di Norcia capoluogo e nella zona Madonna delle Grazie (altre 8+8), completando così il programma generale di costruzione di 776 ‘casette’ (di cui 606 nel solo territorio comunale di Norcia) nelle aree umbre colpite dagli eventi sismici.

Il presidente Paparelli ha voluto sottolineare come gli alloggi consegnati restituiscono ai cittadini ed agli operatori economici di Castelluccio “una confortevole opportunità di residenzialità, che, accanto alla delocalizzazione delle attività economiche, produttive e di ristorazione realizzate con la costruzione del Deltaplano, fanno guardare al futuro con più fiducia. Ed abbiamo anche smentito con i fatti tutti coloro che, senza magari aver mai messo piede qui a Castelluccio, si sono lanciati in feroci polemiche e diffusione di notizie false come quella della costruzione di un centro commerciale nel bel mezzo del Pian grande”.

  Anticipando poi i temi al centro della riunione, convocata a Norcia, del Comitato istituzionale, con tutti i sindaci dell’area del sisma, il Presidente Paparelli ha affermato che “ora dobbiamo concentrarci sulla ricostruzione”, ed ha ribadito la delusione per il fatto che nel decreto “sbloccacantieri” non siano state inserite – come pure molti rappresentanti del Governo avevano promesso in più circostanze – tutte quelle norme che erano state anche definite sulla base di un lungo e serrato confronto con le Regioni interessate, i Comuni, il Commissario straordinario ed il Governo.

Paparelli ha quindi sottolineato come resta assolutamente inadeguata ed insufficiente la dotazione del personale da impegnare negli Uffici speciali per la ricostruzione dei Comuni che è oggi totalmente insufficiente e che in assenza di un rafforzamento vero metterà a rischio l’intera opera di ricostruzione: “Per questo – ha affermato il presidente – non rinuncio a rinnovare un pressante appello a tutti gli attori istituzionali, dagli esponenti del Governo fino a tutti i parlamentari umbri affinché ci sostengano in questa nostra richiesta”.

  Per il presidente della Regione l’altro punto significativo sul quale occorre intervenire è la semplificazione al fine di velocizzare i tempi sia autorizzativi che di realizzazione degli interventi di ricostruzione: “Noi riteniamo infatti la semplificazione vera – ha proseguito – la si può realizzare grazie alla unificazione di tutto il procedimento autorizzativo in capo ai Comuni, e consentendo ai tecnici ed ai professionisti l’autocertificare dei progetti, riservando agli Uffici speciali per la ricostruzione il controllo documentale e la successiva verifica – ha concluso – dell’intervento di ricostruzione in corso d’opera”. E sarebbe altrettanto importante, per velocizzare tutta l’opera di ricostruzione, anche il concreto coinvolgimento di tecnici e professionisti privati nella fase dei controlli degli interventi”.

share

Commenti

Stampa