Defr Regione, Cgil: mancano misure per il lavoro

Defr Regione, Cgil: mancano misure per il lavoro

Redazione

Defr Regione, Cgil: mancano misure per il lavoro

Sab, 30/10/2021 - 09:02

Condividi su:


Il sindacato lamenta mancanza di discontinuità con il passato sulle misure per lo sviluppo: basta fondi a pioggia

Il Defr 21-24, il documento economico e finanziario triennale della Regione, che la presidente Tesei ha presentato alle parti sociali, non piace alla Cgil. Che lamenta l’assenza di concertazione – anche rispetto alla piattaforma unitaria presentata dai sindacati – e il merito di alcune scelte, in particolare sulle politiche per il lavoro.

La maggiore criticità del Defr, secondo la Cgil, sta proprio nella “mancanza di un progetto complessivo di sviluppo per l’Umbria che chiarisca la vocazione strategica della nostra regione dopo la pandemia”.

Il Pil umbro

“Intanto – osserva ancora la confederazione – nell’analisi del quadro macroeconomico è necessario porre una maggior attenzione agli effetti “strutturali” della pandemia, soprattutto in termini di allargamento delle disuguaglianze sociali ed economiche. Il minor calo del Pil umbro nel 2020 rispetto alla media nazionale, che viene rimarcato, difficilmente può essere valutato come un indicatore di maggior resilienza e robustezza del sistema produttivo regionale: si osservi, infatti, come tra le regioni che mostrano un calo più accentuato dell’Umbria, ritroviamo Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte, cioè le regioni più dinamiche del Paese. Mentre tra quelle che avrebbero fatto “meglio” abbiamo Sicilia, Campania, Puglia e Molise”.

Sviluppo, “continuità col passato”

Per quanto riguarda la promozione dello sviluppo economico, nel Defr si parla di un piano di investimenti – presentato come innovativo e di entità senza precedenti – che in realtà, al di là della ridenominazione in inglese delle misure, “consiste – osserva la Cgil – in interventi in piena continuità con il passato e con le linee strategiche dei Programmi europei (Fesr ed Fse) dai quali provengono le risorse”.

Il PNRR

Il PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) è poi trattato in modo abbastanza rapido, ammettendo che “appare evidente – come si legge nel testo della Regione – che l’intendimento del Governo centrale sia quello di destinare le risorse attraverso grandi progetti governativi di respiro nazionale e bandi cui possono partecipare aziende di stato ed amministrazioni locali” e che quindi, “appare ancora ipotetica l’assegnazione su progetti diretti o un riparto, anche parziale, dei fondi su base regionale”. “Tale constatazione – osserva ancora la Cgil – era palese anche la primavera scorsa, quando, invece, si presentava con gran clamore mediatico un PRRR umbro, basato su un ipotetico riparto di ben 3,1 miliardi, riparto del quale non si trovava traccia alcuna nel PNRR approvato dal Governo. Ci permettiamo di ricordare che lo facemmo notare allora, ma fummo purtroppo una voce fuori dal coro, inascoltata”.
Per quanto riguarda la Programmazione europea 2021-2027, cioè quello che è di gran lunga il principale e più concreto strumento a disposizione della Regione per attuare le proprie politiche di sviluppo, balza agli occhi “la mancanza di una roadmap in merito al percorso ed ai tempi di predisposizione delle proposte di Programma”.

Finanziamenti a pioggia

Permane poi il problema, per il sindacato, della erogazione “a pioggia dei finanziamenti”, senza un progetto complessivo. Fatto che appare evidente in particolare in riferimento ai bandi per la promozione territoriale dei Comuni e per quanto concerne SmartAttack SMALL e MEDIUM, che prevede piccoli finanziamenti da 25.000 a 150.000 euro.
Infine, la Cgil sottolinea la mancanza nel testo di elementi chiari su una delle principali missioni del DEFR, fin da quando si chiamava DAP, ovvero quella di individuare risorse aggiuntive regionali per cofinanziare i Programmi europei 2021-2027. 


Condividi su:


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!