Covid, Castello ultimo tra i grandi Comuni umbri per positivi "Kafkiano chiudere alle 18" - Tuttoggi

Covid, Castello ultimo tra i grandi Comuni umbri per positivi “Kafkiano chiudere alle 18”

Davide Baccarini

Covid, Castello ultimo tra i grandi Comuni umbri per positivi “Kafkiano chiudere alle 18”

Lun, 26/10/2020 - 16:25

Condividi su:


Covid, Castello ultimo tra i grandi Comuni umbri per positivi “Kafkiano chiudere alle 18”

Città di Castello, con 66 positivi al Covid-19 (72 secondo la dashboard dell’Usl, ndr), è il l’ultimo Comune nella classifica regionale con la percentuale di casi in rapporto alla popolazione più bassa dell’Umbria, pari all’1,4%, e siamo quindi in un contesto per ora assolutamente sotto controllo, con nessun ricoverato tifernate e tutti i contagiati in isolamento domiciliare”.

Queste le parole odierne del sindaco Luciano Bacchetta, che dà il merito di questo ‘primato’ alla “grande serietà e senso civico dei tifernati, che invito comunque a continuare a rispettare tutte le norme”, prendendo atto di come “nel resto dell’Umbria ci sia una situazione assolutamente drammatica, visto che siamo tra le primissime regioni in Italia per numero di contagi e ricoverati”.

Città di Castello si fa carico dei problemi di tutta la regione: nel reparto Covid dell’ospedale ospitiamo 29 persone, alcune provenienti da città che non hanno voluto reparti Covid, e abbiamo aperto un reparto di terapia intensiva Covid con 7 posti dalla sera alla mattina, dimostrando la grande efficienza della propria struttura sanitaria

Il senso di responsabilità che esprimiamo è un grande segnale all’Umbria, che ci aspettiamo venga raccolto – aggiunge con enfasi il primo cittadino – Ci vengano risparmiate le sceneggiate di ospedali che non ospitano alcun malato Covid e sono sulle barricate. E’ intollerabile che in Umbria ci siano città ospedali sotto stress o città con ospedali che non hanno alcun ricoverato Covid, pur avendo molti casi di positività. E’ venuto il momento di fare solidarietà, ma anche un’operazione di verità”.

A supporto delle valutazioni espresse il sindaco ha riportato le percentuali regionali di contagio, citando tra le altre Assisi con il 7,5%, Bastia con il 10,4%, Passignano al 13,3%, Perugia al 7,4%, Spoleto al 3,2% e Gubbio con il 4,4%.

Rivolgendo un appello ai tifernati a “usare senso di responsabilità ed evitare assembramenti ai cimiteri” durante le festività dei morti, Bacchetta ha manifestato profondo dissenso per le chiusure alle ore 18 di ristoranti, bar e pubblici esercizi, ritenendolo “un provvedimento sbagliato, ingiusto, punitivo che non serve a nulla, oltre che Kafkiano, perché vorrebbe sostenere che il Covid c’è dopo un certo orario e prima no”.

Esprimere la massima solidarietà a questi operatori economici, il sindaco ha sottolineato come “siamo di fronte ad un provvedimento sostanzialmente inutile, che mette gravemente in difficoltà una categoria importante e non risolve il problema, perché, fin quando non ci sarà il vaccino, il Covid va combattuto convivendoci. Ristoratori, baristi e gestori di pubblici esercizi tifernati, a parte un’unica eccezione, hanno assolutamente applicato le regole, con grandissimo senso di responsabilità, e non si possono penalizzare così. Non trasformiamo questa situazione in una ridicola commedia”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!