Covid-19, danni cellulari e nuove terapie: studio dell'Università di Perugia

Covid-19, danni alle cellule e nuove terapie: lo studio dell’Università di Perugia

Redazione

Covid-19, danni alle cellule e nuove terapie: lo studio dell’Università di Perugia

Mar, 22/06/2021 - 15:00

Condividi su:


Un importante risultato nella ricerca dei meccanismi di danno cellulare del virus SARS-CoV2 e, in prospettiva, per lo sviluppo di nuove terapie per la malattia da Covid-19

Un importante risultato nella ricerca dei meccanismi di danno cellulare del virus SARS-CoV2 e, in prospettiva, per lo sviluppo di nuove terapie per la malattia da Covid-19. E’ quello che è stato ottenuto dal Gruppo Operativo di Supporto alla gestione dell’emergenza Covid-19 (GOS) dell’Università degli Studi di Perugia.

La ricerca riguarda l’identificazione di uno dei processi biochimici con cui il virus che causa la malattia Covid-19 uccide le cellule infettate. Lo studio è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista internazionale Redox Biology.  

Nel corso della ricerca sono state anche testate alcune molecole d’interesse farmacologico che vedono in questo processo un bersaglio terapeutico per contrastare l’effetto citopatico e i sintomi del danno causati dal virus a livello respiratorio e, potenzialmente, in altri tessuti.   

Covid-19, le ricerche dell’Unipg

Il lavoro, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Rispamio di Perugia, ha visto il coinvolgimento di numerosi ricercatori Unipg afferenti al GOS, creato dall’Osservatorio di Terza Missione nella fase iniziale della pandemia da Covid-19 su mandato del Magnifico Rettore Prof. Maurizio Oliviero, ed affidato alla responsabilità del Delegato alla Terza Missione Prof. Gabriele Cruciani.

Questo passo avanti nella lotta al virus – ha dichiarato il magnifico rettore Maurizio Oliviero – ci inorgoglisce e dimostra ancora una volta quanto la multidisciplinarietà sia una risorsa fondamentale nella ricerca scientifica. Ringraziamo tutti i colleghi del GOS che hanno contribuito a conseguire un simile risultato: lo sforzo corale che hanno profuso in questa ricerca è la prova delle enormi potenzialità del nostro Ateneo, che stiamo mettendo a servizio di tutta la comunità”.  

L’impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia

Da sempre la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia finanzia la ricerca di eccellenza – afferma la presidente Cristina Colaiacovo – e mai come in questo momento di emergenza sanitaria vi è la necessità di trovare soluzioni di diagnosi e cura unendo competenze ed energie. Abbiamo quindi inserito nella nostra programmazione 2020 una misura straordinaria per contribuire alla ricerca sulla prevenzione della diffusione del Covid-19 in particolare nei bambini, puntando sull’eccellenza dei nostri laboratori e dei nostri ricercatori. Siamo particolarmente felici del risultato ottenuto attraverso il progetto presentato dal Laboratorio integrato dell’Università degli Studi di Perugia, un risultato che permette alla nostra ricerca territoriale di competere con quella nazionale e internazionale”.  

I ricercatori e volontari coinvolti

Gruppo Operativo di Supporto alla gestione dell’emergenza Covid-19 (GOS)

Responsabile: Prof. Gabriele Cruciani

Coordinatore scientifico: Prof. Francesco Galli

Comitato scientifico e di coordinamento:

Prof. Antimo Gioiello (area chimico-farmaceutica)

Dott. Bruno Checcucci (INFN)

Membri gruppo operativo:

Prof. Antonella Mencacci (referente clinico, area microbiologica)

Prof. Francesca Fallarino (area immuno-farmacologica)

Prof. Manlio Di Cristina (area biochimica e biologia molecolare)

Prof. Fabrizio Stracci (area epidemiologica)

Prof. Gianluigi Reali (area informatica e AI)

Prof. Giorgio Baldinelli (area ingegneristica e materiali)

Prof. Daniela Francisci (referente clinico, area infettivologica)

Prof. Mario Rende (area biologica, area morfologica)  

Volontari e collaboratori:

Supporto alla coordinazione e laboratorio biochimica e biologia cellulare

Prof.ssa Laura Goracci (area chimica e bioinformatica)

Dott.ssa Desirée Bartolini (Assegnista di ricerca – supporto alla coordinazione del GOS, preparazione di reagenti e supporto alla gestione ordini)

. Dott. Carmine Vacca (area tecnica)

Centro diagnostica molecolare – SC Microbiologia

Dott.ssa Barbara Camilloni (Ricercatore)

Dott.ssa Silvia Bozza (Ricercatore)

Dott.ssa Donatella Pietrella (Ricercatore)

Laboratorio sintesi e analisi chimiche

Dott. Bruno Cerra (Assegnista di ricerca – sintesi di reagenti chimici)

Prof. Roccaldo Sardella, Professore associato

Dott.ssa Giada Ceccarelli, Dottorando

Dott.ssa Giada Moroni, Dottorando

Laboratori di farmacologia e immunologia

Dott.ssa Giorgia Manni, Assegnista di Ricerca

Dott. Marco Gargaro, Ricercatore RTD/A.

Laboratorio biologia molecolare e supporto analisi molecolare

Dott.ssa Federica Piro (Assegnista – supporto operativo specialistico alla diagnostica)

Dott.ssa Federica Delo (Dottoranda – supporto operativo specialistico alla diagnostica)

Gruppo epidemiologia

Dott. Alessio Gili (collaboratore statistico a contratto)

Gruppo ICT

Ing. Mauro Femminella, ricercatore universitario confermato.

Ing. Luca Felicetti, ricercatore CNIT, Unità di Perugia

Ing. Matteo Pergolesi, ricercatore CNIT, Unità di Perugia

Ing. Jacopo Taccucci, titolare di contratto di ricerca GARR presso il Dipartimento d’Ingegneria

Ing. Priscilla Benedetti, dottoranda

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!