Caccia, ok al Calendario venatorio con la mediazione sul cinghiale

Caccia, ok al Calendario venatorio con la mediazione sul cinghiale

Massimo Sbardella

Caccia, ok al Calendario venatorio con la mediazione sul cinghiale

In III Commissione regionale audizione con le associazioni di cacciatori, agricoltori e ambientalisti e con gli Atc
Gio, 04/06/2020 - 15:14

Condividi su:


Caccia, ok al Calendario venatorio con la mediazione sul cinghiale

Caccia, ok al Calendario venatorio con la mediazione per spostare al 18 ottobre l’inizio delle battute al cinghiale. Nell’audizione in III Commissione regionale permanente con l’assessore Roberto Morroni le associazioni venatorie e agricole e gli Atc (Ambiti territoriali di caccia) hanno dato il via libera al nuovo Calendario venatorio. Nella versione preadottata dalla Giunta regionale, con la modifica, appunto, della caccia al cinghiale, inizialmente posticipata al 1° novembre rispetto alla tradizionale data del 1° ottobre.

La caccia di selezione slitta di almeno una settimana:
le date dei recuperi

Gli ambientalisti: cinghiale e Coronavirus

Critiche, ovviamente, sono state avanzate dalle associazioni ambientaliste. Legambiente ha ribadito la propria diffida alla Regione Umbria (e alle altre regioni italiane) relativamente ai rischi per le battute al cinghiale a causa del Coronavirus. Una posizione, quella di Legambiente, che era stata pesantemente criticata dai cacciatori, ma che aveva anche aperto uno scontro tra i presidente nazionali di Federcaccia (Buconi) e Libera Caccia (Sparvoli).

Il Wwf ha invece annunciato la propria opposizione in merito al regolamento per i cinghiali, nel combinato disposto tra selezione e braccata.

Morroni: equilibrio tra mondo agricolo e venatorio

Morroni ha ribadito la volontà di affrontare un maniera “sperimentale” il problema dei cinghiali, “perché i risultati fino ad oggi ottenuti si sono dimostrati largamente deficitari e c’era bisogno di un cambio di passo”. Che si traduce appunto in un anticipo al 18 ottobre della caccia in forma braccata e dell’affiancamento all’attività volontaria di contenimento anche della caccia singola, per ottenere un controllo migliore di una situazione che produce non solo ingenti danni per l’agricoltura, ma anche pericoli per l’incolumità delle persone.

Un percorso all’insegna dell’equilibrio e di una ricercata unità
d’intenti fra mondo agricolo e venatorio
– ha sottolineato Morroni – che
ha portato ad una sintesi avente lo scopo finale di adottare una strategia
diversa per affrontare con più determinazione il controllo della specie
cinghiale, eliminando gli asincronismi con i calendari venatori delle regioni
confinanti al fine di evitare la reimmissione degli animali nel mese di
gennaio, quando avrebbero trovato una situazione favorevole
”.

Terni, dubbi sulle date per la caccia al cinghiale

Dalla Provincia di Terni si sarebbe preferito spostare la caccia al cinghiale al 1° novembre, per uniformarla con le regioni limitrofe. Una questione, quella dell’inizio della caccia in braccata per il cinghiale, la cui discussione per il momento è rimandata anche tra le associazioni venatorie. Che avevano provato a trovare una linea comune, salvo la scelta di Federcaccia ed Enalcaccia di uscire con un proprio documento per chiedere che non venisse modificata la data per l’avvio delle battute al cinghiale.

Quindi, la mediazione trovata alla data del 18 ottobre. Le associazioni degli agricoltori, per ora, incassano le novità ottenute. Con Coldiretti che però ha chiesto immediatamente un vertice con gli Atc per uniformare e semplificare le procedure di abbattimento. Che ora coinvolgono maggiormente gli agricoltori cacciatori proprietari dei terreni da difendere.

Le novità

Sempre il 18 ottobre sarà consentito anche il prelievo della specie cinghiale nella forma individuale alla cerca, fino al 31 dicembre prossimo.

La caccia da appostamento temporaneo e per gli acquatici (alzavola,
marzaiola, germano reale, tortora, ghiandaia, cornacchia grigia e gazza) si
avvierà nei giorni 2, 6 e 13 settembre, il 6 e il 13 settembre fino alle ore
13. Altre specie dal 20 settembre, la quaglia dal 13.

Le richieste dei consiglieri

Nel parere licenziato dalla commissione, su input del consigliere Mancini
(Lega), viene chiesto di posticipare la chiusura della caccia alla lepre di
una settimana, il 13 dicembre anziché il 6, e di poter proseguire
l’addestramento dei cani
fino al 17 settembre, anziché fino al 10, come
auspicato negli interventi di diversi esponenti delle associazioni venatorie.

Ulteriore aggiunta riguarda la beccaccia, la cui caccia viene consentita
all’interno delle superfici boscate fino a 50 metri dal confine con le
stesse: si chiede di aggiungere nel calendario definitivo la dicitura “in
prossimità dei corsi d’acqua.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!