Barberini in difesa dei lavoratori Cenmat di Scanzano “Sollecitare Poste Italiane a riconvertire il sito” - Tuttoggi

Barberini in difesa dei lavoratori Cenmat di Scanzano “Sollecitare Poste Italiane a riconvertire il sito”

Redazione

Barberini in difesa dei lavoratori Cenmat di Scanzano “Sollecitare Poste Italiane a riconvertire il sito”

Ven, 10/02/2012 - 09:58

Condividi su:


«Non possiamo permetterci la chiusura di un sito importante come il Cenmat di Scanzano, dove lavorano decine di persone e dove sono state investite ingenti risorse pubbliche: le istituzioni, con il sostegno delle organizzazioni sindacali e della comunità locale, devono sollecitare Poste Italiane a riconvertire la struttura, promuovendone un utilizzo più ampio».
Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale del Partito democratico Luca Barberini, intervenendo sulla vicenda del Centro materiali di Scanzano, dopo l’annuncio di Poste Italiane dell’imminente chiusura dello stesso.
«La decisione di Poste Italiane è paradossale – afferma Barberini – soprattutto dopo le rassicurazioni espresse, di recente, sul futuro dell’impianto, anche a seguito della richiesta di chiarimenti da parte delle istituzioni locali e della stessa interrogazione da me presentata alla Giunta regionale. Il Cenmat di Scanzano è stato realizzato con rilevanti finanziamenti pubblici e ha le potenzialità necessarie per continuare a svolgere un ruolo strategico sul territorio, soprattutto sul fronte logistico e infrastrutturale, in sinergia con opere come la nuova statale 77, la piastra logistica e il potenziamento della linea ferroviaria Orte-Falconara. Chiuderlo significa vanificare tutti gli investimenti fatti finora e procurare un danno irreversibile all’economia locale. Le istituzioni umbre devono farsi carico della vicenda, sollecitando Poste Italiane a riconvertire il sito di Scanzano e a dare una risposta adeguata a chi, da anni, lavora in questa struttura. Tale vicenda – prosegue il consigliere regionale del Pd – è emblematica di come le grandi società nazionali, anche quelle a partecipazione statale, stiano progressivamente abbandonando l’Umbria: è il caso di avviare una riflessione seria su questo fronte, prendendo le dovute misure».

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!