Appalti pulizie Adisu, lavoratrici senza stipendio | Da domani sciopero - Tuttoggi

Appalti pulizie Adisu, lavoratrici senza stipendio | Da domani sciopero

Redazione

Appalti pulizie Adisu, lavoratrici senza stipendio | Da domani sciopero

Non pagato lo stipendio di settembre alla ditta in avvalimento, via alle proteste | Incontro in Prefettura venerdì
Mar, 24/10/2017 - 11:42

Condividi su:


Appalti pulizie Adisu, lavoratrici senza stipendio | Da domani sciopero

Da domani (25 ottobre) le lavoratrici e i lavoratori della ditta Impre.Gen Srl di Catania, che lavora in avvalimento per Adisu (l’Agenzia per il diritto allo studio universitario dell’Umbria), svolgendo le pulizie nei locali dei collegi e nella sede amministrativa di Perugia, avvieranno una serie di scioperi per rivendicare il diritto allo stipendio, non essendo ancora stati pagati gli importi del mese di settembre.

Si tratta di una situazione complessa, che vede 28 lavoratrici pagare le scelte di chi ha gestito malamente l’appalto – spiegano Filcams Cgil di Perugia e Uiltrasporti Umbria – infatti, Adisu ha assegnato il servizio alla Cfc di Napoli, la quale però ha utilizzato la figura giuridica dell’avvalimento, cedendo a sua volta la gestione dell’appalto a Impre.Gen. Quest’ultima lo scorso 10 ottobre ha comunicato con una nota ai sindacati di non ricevere i versamenti da Cfc, trovandosi quindi impossibilitata a pagare gli stipendi”.

“In tutto questo scaricabarile a pagare sono solo le lavoratrici”, denunciano i sindacati, che hanno quindi deciso di rispondere con una primo sciopero di un’ora nella giornata di domani, 25 ottobre. Sciopero che, in mancanza di risposte adeguate, sarà replicato il 30 ottobre per l’intero turno lavorativo e il 9-10 novembre per due giornate consecutive. I sindacati chiedono anche ad Adisu, che è in regola con i pagamenti verso Cfc, di esercitare la responsabilità solidale prevista dal nuovo codice degli appalti, subentrando in surroga all’azienda inadempiente per pagare le spettanze delle lavoratrici che non possono più attendere. Intanto, Filcams Cgil e Uiltrasporti hanno interessato della vicenda la prefettura di Perugia che riceverà tutte le parti coinvolte venerdì 27 ottobre.


Condividi su:


Aggiungi un commento