Anche la Provincia spinge per il Nodo: "I soldi ci sono"

Anche la Provincia spinge per il Nodo: “I soldi ci sono”

Redazione

Anche la Provincia spinge per il Nodo: “I soldi ci sono”

Gio, 21/04/2022 - 08:47

Condividi su:


La presidente Proietti a Roma con i tecnici del Ministero: asse con il Pd per realizzare il primo stralcio fino all'ospedale e poi completare la variante

Anche la Provincia di Perugia spinge per il Nodo. Una posizione che segna il sì bipartisan alla variante tra Collestrada e Corciano. La maggioranza di centrosinistra in Provincia, infatti, sostiene “la realizzazione del Nodo nella sua interezza in quanto opera strategica non più procrastinabile per il capoluogo e per la regione Umbria”.

Due settimane fa la presidente Stefania Proietti, con un’ampia relazione elaborata da esperti, si è recata al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture sostenibili per perorare la causa del Nodo, inteso integralmente da Perugia fino a Corciano e non altri tipi di progetti.

Primo stralcio fino all’ospedale

La prima fase riguarda il collegamento tra Collestrada e l’ospedale, come chiesto anche dal segretario del Pd di Sauro Cristofani. Ma per poi arrivare fino a Corciano per avere una strada alternativa all’attuale Raccordo con le strozzature delle gallerie.

Il nodo gallerie sul Raccordo

“Il primo stralcio – spiega Proietti – deve essere da Collestrada a Ospedale/via Pievaiola, solo così si avvia a soluzione sia il problema del traffico nord-sud che quello del traffico diretto alla città, il vero cuore del Nodo di Perugia è la congestione dalle gallerie di Piscille fino a Ferro di Cavallo. Come Provincia abbiamo fatto di più: abbiamo chiesto finanziamenti, che sono stati assicurati, per eliminare ogni alibi a chi, come la Regione, diceva che esistevano solo i fondi per il Nodino”.

Sostenibilità ambientale

C’è poi il tema dell’impatto dell’opera sul paesaggio, uno degli aspetti che più preoccupa i residenti di Collestrada e Torgiano. Su questo la presidente Proietti si è confrontata con i tecnici del Ministero.

“L’intera infrastruttura – è la posizione della presidente – dovrà essere pensata, progettata ed eseguita all’insegna della sostenibilità ambientale e del rispetto del territorio, iniziando sin da subito a pensare alla riduzione degli impatti con il calcolo del ciclo di vita dell’opera, ai materiali di realizzazione e alla quantificazione dei benefici ambientali e di salute. Ricordiamo infatti che il traffico congestionato è tra le prime cause delle emissioni non solo di CO2 con effetti sul cambiamento climatico, ma anche di smog e PM che hanno effetti dannosi ed immediati sulla salute”.

La Provincia con il Pd

“Insomma la Provincia – conclude la presidente – condivide la posizione di chi, come il Pd, si è espresso favorevolmente sul Nodo e non sul Nodino poiché la realizzazione del solo tratto Collestrada /Madonna del Piano comporterebbe un’ingente spesa pubblica senza risolvere, una volta per tutte, i problemi del congestionamento del traffico e della sicurezza stradale che ormai rendono impossibile la vita del capoluogo umbro e condizionano negativamente la circolazione in oltre metà regione. Una regione, l’Umbria, già povera di infrastrutture di mobilità strategiche, come il trasporto su ferro che andrebbe potenziato anche a beneficio del turismo sostenibile, per non citare l’aeroporto San Francesco d’Assisi, infrastruttura fondamentale che deve essere assolutamente sostenuta e adeguatamente potenziata, a servizio dell’incoming turistico di tutta la regione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!