A Montefranco si parla di offesa,ferita e perdono con le Pastorali giovanili e familiari della Diocesi - Tuttoggi

A Montefranco si parla di offesa,ferita e perdono con le Pastorali giovanili e familiari della Diocesi

Redazione

A Montefranco si parla di offesa,ferita e perdono con le Pastorali giovanili e familiari della Diocesi

Il 16 e 17 marzo presso il Convento di S. Bernardino l’inocntro “Offesa, ferita, perdono – Cammini di ricomposizione interiore” condotto da Ignazio Punzi e Maria Letizia Lombardi.
Dom, 10/03/2019 - 12:41

Condividi su:


Le Pastorali giovanile e familiare dell’Archidiocesi invitano all’inocntro “Offesa, ferita, perdono – Cammini di ricomposizione interiore” condotto da Ignazio Punzi e Maria Letizia Lombardi.

Si terrà il 16 e 17 marzo 2019 presso il Convento di S. Bernardino a Montefranco (TR). Info e iscrizioni: suor Anna Maria Lolli (320-8071441).

Amarezza, odio, rancore, senso di colpa, paura, vendetta: sono alcuni nomi della nostra prigione. Riconosciamolo: siamo tutti in qualche modo dei prigionieri feriti e doloranti. Portiamo le ferite della nostra storia di figli, di fratelli, di coniugi, di genitori, di amici o di colleghi. Ferite come conseguenza del male ricevuto ma anche del male dato, sia intenzionale che involontario. È il dolore provocato dalle delusioni, dai tradimenti, dagli abbandoni, dalle violenze; dal male per omissione, per incapacità o impossibilità degli altri di offrirci la vita che ci aspettavamo o nostra di offrirla per come altri si attendevano. Sul fondo delle nostre ferite giacciono dei grumi di energia vitale congelata, simili a legacci che rendono faticoso il nostro cammino. Il rancore, le ferite, il dolore e i sensi di colpa vivono in noi come tessere separate di un mosaico che non riesce a comporre il proprio disegno, unico, bello e conclusivo. Abbiamo allora bisogno di questa ricomposizione, c’è necessità di procedere verso un’armonia interiore che dia leggerezza al nostro passo, che ci faccia sentire meno frammentati e col cuore meno spaccato. Questo processo di ricomposizione lo chiamiamo Perdono. Nel weekend esploreremo i suoi sentieri, misureremo le fatiche, ci stupiremo dei suoi paesaggi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!