Terni, cagnolino muore di caldo, fame e sete sul terrazzo dei proprietari

Terni, cagnolino muore di caldo, fame e sete sul terrazzo dei proprietari

La bestiola abbandonata sul balcone senza accesso all’interno dell’abitazione

Per giorni è rimasto chiuso fuori in terrazzo esposto al caldo torrido, senza cibo né acqua; un cagnolino chiwawa è morto così sul balcone della casa dei padroni.

A segnalare la carcassa della bestiola è stato un residente del quartiere dove è avvenuto il fatto che, dalla sua finestra, ha notato l’animale privo di vita.

Subito si è attivata l’Enpa congiuntamente alla Polizia Municipale. Giunti sul posto, hanno provato a rintracciare le persone che hanno in affitto l’appartamento che, forse in vacanza, si sono resi sempre irreperibili al telefono.

Tramite i proprietari dell’immobile, gli agenti sono riusciti ad avere accesso all’abitazione e, con l’intervento del dott. Valentini della Usl veterinaria hanno rimosso il corpo priva di vita del cane, che non aveva accesso all’interno dell’abitazione.

Dallo stato, sembra che l’animale, fosse stato abbandonato così già da qualche giorno, ma sarano le indagini della Polizia Locale a stabilire come siano andati realmente i fatti. I proprietari del cane rischiano ora la denuncia per uccisione di animali ai sensi dell’articolo 544-bis del codice penale.

L’Enpa ricorda che a Terni vige un’ordinanza di divieto di lasciare gli animali di affezione in terrazzo quando non ci sia accesso all’abitazione e invita i cittadini a segnalare situazioni ritenute anomale.

© Riproduzione riservata