SABATO GIORNATA NAZIONALE DEL RESPIRO A TERNI

SABATO GIORNATA NAZIONALE DEL RESPIRO A TERNI

E’ giunta alla sua XV edizione la “Giornata Nazionale del Respiro” – iniziativa nata per sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni rispetto alla gravità di numerose patologie respiratorie, come l’asma, troppo spesso ancora sottovalutate e sottostimate.Per l’intero mese di Maggio Federasma Onlus – Federazione Italiana delle Associazioni di Sostegno ai Malati Asmatici ed Allergici – con il supporto delle associazioni regionali ad essa aderenti ha previsto visite gratuite con spirometria in tutta Italia. A Terni l’appuntamento è per il 30 maggio, dalle 9 alle 18, presso il Centro Commerciale COSPEA. L’Associazione dei Malati Allergici (AMA) – Regione Umbria sarà presente con un tavolo dove sarà possibile fare la spirometria (esame del respiro) gratuitamente. La spirometria serve a valutare il funzionamento dei polmoni. Inoltre, sarà distribuito materiale informativo e la nostra rivista “ama notizie”, per informare i pazienti allergici e la cittadinanza sulle varie malattie allergiche. I medici volontari dell’AMA saranno a disposizione dei cittadini per rispondere a domande sull’asma e le altre malattie allergiche e respiratorie. Con una piccola offerta si potrà ottenere una simpatica e originale T-shirt e un cappellino.Più di tre milioni di individui in Italia vivono il disagio dell’Asma con sintomi che spesso interferiscono con la normale vita quotidiana. Con un costo medio annuo per paziente che si aggira intorno ai 1.400.00 euro, l’asma è ancora oggi responsabile di più di 500 decessi all’anno (dati Istat anno 2006). A livello mondiale la prevalenza della malattia è in rapida crescita, soprattutto nei bambini e nei giovani. I dati più recenti attestano che circa l’8 -10% dei bambini soffre di asma (1 bambino su 10), nell’80% dei casi provocata da allergie.In base ai dati epidemiologici raccolti dal gruppo del Prof. Andrea Siracusa, in Umbria ci sono 40.000 asmatici. L’asma è molto frequente nei bambini, nei quali raggiunge la frequenza del 10-12%. Il raffreddore allergico è ancora più frequente: si calcola che almeno 120.000 cittadini umbri siano affetti da rinite allergica.