Progetto sicurezza, ecco dove spunteranno nuove telecamere

Progetto sicurezza, ecco dove spunteranno nuove telecamere

Nel pacchetto previsto l’acquisto di speciali transenne e la messa in rete tra Vigili Urbani e Carabinieri | Tutti i dettagli del piano elaborato dal Comune

Foligno si prepara al meglio per affrontare l’allarme sicurezza, ed essere al passo con le nuove disposizioni in materia di ordine pubblico. Esigenza che lungo le sponde del Topino si avverte in modo particolare, considerando che la città vive di eventi praticamente durante l’intero arco dell’anno e le recenti normative sono una preoccupazione sempre più stringenti sia per gli organizzatori che per la stessa amministrazione comunale. Il Comune di Foligno ha quindi aderito al bando regionale del ‘Progetto Sicurezza per le Comunità Locali’ nell’ambito dell’annualità 2017/2018 così come disposto dal Governo per venire incontro alle esigenze dei comuni. Il piano, già deliberato, prevede investimenti pari a complessivi 118mila euro dei quali 68mila da attingere direttamente dalle casse comunali, mentre la restante parte dovrebbe giungere dalla Regione dell’Umbria.

Una delle tre operazione previste è l’acquisto di speciali transenne antipanico in materiale plastico: potrebbe sembrare un fattore secondario ma invece diventa un elemento di primaria importanza, proprio per tutte quelle iniziative che vengono messe in calendario in particolar modo nel periodo estivo. Le transennature infatti sono ormai considerati elementi indispensabili, senza le quali non possono essere rilasciati i permessi per lo svolgimento degli eventi.

Nel ‘pacchetto sicurezza’ finisco anche le tanto invocate telecamere di videosorveglianza, attualmente composto da 38 impianti dislocati non soltanto nel centro storico. Massima attenzione per l’area della Movida, così come richiesto più volte anche dalle associazioni dei residenti del centro storico e nell’ormai ‘famoso tavolo della Movida’. La cifra necessaria è di circa diecimila euro e sono stati individuati anche i punti esatti. Una telecamera sarà piazzata su Palazzo Trinci proprio lungo via Gramsci, puntata verso la fine della strada in maniera panoramica. Altro dispositivo verrà installato sulla facciata dello storico Palazzo Candiotti sede dell’Ente Giostra della Quintana, orientata verso piazza della Repubblica. Terza telecamera sulla facciata del nobile Palazzo Deli all’angolo tra piazza Don Minzoni e via Gramsci per controllare al meglio il cuore della Movida folignate.

Nel ‘pacchetto sicura’ made in Foligno rientra a pieno titolo anche il non meno strategico sistema di cablaggio: nel progetto finisce quindi la realizzazione di un collegamento diretto con fibra ottica tra il comando della Vigili Urbani in viale Marconi e la caserma dei Carabinieri in via Garibaldi.

Stampa