Maltempo in arrivo, Valserra sorvegliata speciale

Maltempo in arrivo, Valserra sorvegliata speciale

Si temono frane e cadute di detriti e fango dopo l’incendio delle scorse settimane | Saranno monitorati 3 punti del territorio, ecco quali

Allerta meteo in Umbria per la giornata di domani, venerdì 1 settembre, e a Terni la Valserra sarà sorvegliata speciale dopo l’incendio delle scorse settimane.

La protezione civile comunale di Terni e quella regionale, insieme alla Provincia di Terni, infatti, hanno deciso di dar luogo, in concomitanza dell’allerta meteo di venerdì 1° settembre, a un monitoraggio costante delle zone della Valserra colpite dal recente incendio.

Si temono infatti frane e cadute di detriti e fango in quanto le fiamme che sono divampate dal 7 al 12 agosto  hanno reso precarie le condizioni di tenuta sia del manto boschivo arso che dei costoni rocciosi. Verranno attivati dei presidi di controllo costanti. Saranno impiegati ad ogni turno 10/15 unità. La decisione è stata presa nella riunione che si è tenuta nel primo pomeriggio di oggi, nella sede comunale di Corso del Popolo, con la presenza dei tecnici della protezione civile comunale, regionale, della Provincia e della Polizia Muncipale.

Saranno monitorati in particolare tre punti: la Provinciale tra il km. 2.600 e il Km 3; la galleria ferroviaria; il canalone posto tra il cimitero e il centro abitato di Rocca San Zenone. Sono queste le zone che più di ogni altre possono essere soggette a movimenti del terreno o a fenomeni fangosi rilevanti, mentre non si prevedono specifici rischi per il centro abitato in quanto sono già stati effettuati interventi di somma urgenza e inoltre sono presenti barriere protettive installate negli anni scorsi.

In caso di frane ed eventi simili sono previsti, in base alla gravità dei medesimi, due livelli di intervento: la chiusura della viabilità, sia quella ferroviaria che della provinciale Valserra; l’evacuazione del centro abitato in caso di minacce incombenti o di isolamento completo. La popolazione sarà avvisata dal personale della protezione civile tramite altoparlanti. E’ previsto anche uno specifico servizio di presidio medico sanitario e di assistenza alla popolazione. In caso di emergenza le persone interessate alla chiusura della Provinciale sono circa 3mila, di cui 1.015 residenti.

Si farà ricorso al monitoraggio costante in concomitanza con l’allerta meteo per evitare chiusure preventive della strada provinciale e della linea ferroviaria. Nel corso della riunione sono stati analizzati i rilievi fotografici aerei effettuati nei giorni scorsi, che hanno dato luogo a mappe specifiche di rischio. E’ al vaglio anche un sistema di monitoraggio con apparecchiature digitali, che possa essere attivo per tutta la stagione invernale.