VIOLENZA CONTRO MOGLIE E FIGLI, ARRESTATO 50ENNE DAI CARABINIERI DI ARRONE

VIOLENZA CONTRO MOGLIE E FIGLI, ARRESTATO 50ENNE DAI CARABINIERI DI ARRONE

share

Nel corso del pomeriggio di ieri, il personale della Stazione Carabinieri di Arrone ha tratto in arresto, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip, Maurizio Santoloci, un 50enne cittadino rumeno residente ad Arrone, I. G. (nella foto fornita dalla compagnia dei Carabinieri di Terni), con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni, entrambe aggravate. Dalle indagini condotte dai militari era emerso che l'uomo, soprattutto quando abusava di sostanze alcoliche, era solito malmenare la moglie e i figli minori, causandogli, in alcune occasioni, anche gravi danni dal punto di vista fisico. L'ultimo episodio di violenza, che ha determinato la denuncia dell'uomo da parte della moglie, era avvenuto nella tarda serata del 16 marzo scorso, quando a seguito dell’ennesima violenza subita, la donna aveva subito la rottura del setto nasale a causa dei ripetuti colpi ricevuti dal marito.
Dopo aver richiesto l’intervento immediato del 112 si è recata presso la locale Stazione dei Carabinieri di Arrone per denunciare le violenze subite da tempo, sia da lei che dai 6 figli minorenni. Da quel momento la donna e i piccoli non hanno fatto più ritorno a casa, trovando ospitalità presso alcuni parenti fuori regione. I successivi accertamenti svolti dai militari hanno consentito di appurare che le violenze domestiche perduravano da molti anni nel più assoluto silenzio. Alla luce di ciò è stata richiesta al magistrato competente, dott.ssa Raffaella Gammarota, la possibilità di richiedere l’adozione di una misura cautelare. A seguito di un’ulteriore indagine delegata dall'autorità giudiziaria, il cui esito ha aggravato ulteriormente la posizione di I. G., vi è stata l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del Gip, Maurizio Santoloci. L’arrestato è stato dunque associato alla casa circondariale di Vocabolo Sabbione, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

share

Commenti

Stampa