Una preghiera e 26 rose bianche per ricordare le vittime tifernati del Covid - Tuttoggi

Una preghiera e 26 rose bianche per ricordare le vittime tifernati del Covid

Davide Baccarini

Una preghiera e 26 rose bianche per ricordare le vittime tifernati del Covid

Mer, 30/12/2020 - 13:15

Condividi su:


Una preghiera e 26 rose bianche per ricordare le vittime tifernati del Covid

Un mazzo di 26 rose bianche, il suono della tromba e la preghiera per ricordare tutte le vittime tifernati del Covid-19, da inizio pandemia ad oggi.

La commovente iniziativa si è svolta questa mattina (mercoledì 30 dicembre) all’interno della chiesa del Cimitero Monumentale di Città di Castello, alla presenza del Vescovo monsignor Domenico Cancian, dei parroci don Paolo Bruschi e don Alberto Gildoni, dell’assessore alla Cultura Vincenzo Tofanelli e del Presidente del locale Rotary Club Alessandro Leveque, promotore dell’evento.

Covid, 26° tifernate deceduto, 10 nuovi positivi

Le 26 rose bianche sono state poste ai piedi dell’altare in ricordo delle vittime della pandemia, che dal marzo scorso hanno gettato nel dolore e nello sconforto le famiglie e l’intera comunità. Prima dei brevi interventi delle istituzioni il suono della tromba sulle note del “silenzio fuori ordinanza”.

Come sapete questa settimana ha preso il via la vaccinazione contro questa terribile malattia, che ci ha segnato in ogni nostra quotidianità – ha dichiarato il presidente Leveque Abbiamo ritenuto opportuno, giusto e meritevole, riportare alla memoria tutti i cittadini della nostra comunità che ci hanno lasciato per colpa di questo virus, in questo anno estremamente ‘esigente’. Abbiamo offerto un fiore per ogni anima e un pensiero di vicinanza per tutte le famiglie ferite dalla assenza, nell’obiettivo unico di una fraterna riconciliazione”.

La nostra comunità civile ed ecclesiale – ha detto il vescovo Cancian partecipa con grande intensità spirituale a questo momento di doveroso ricordo. Non possiamo chiudere questo anno, che passerà alla storia come l’anno della pandemia, senza fare un ricordo di quelli che hanno pagato il prezzo più alto. Signore fa che finalmente cessi questa strage e donaci la grazia di costruire un mondo più umano dove regnino giustizia, pace e fratellanza. Te lo chiediamo per intercessione della Madonna delle Grazie e dei nostri patroni.

rose bianche

La mia presenza oggi – ha dichiarato l’assessore Tofanellivuole esprimere la partecipazione del sindaco e di tutti gli amministratori pubblici e la nostra vicinanza alle famiglie che hanno avuto defunti o malati. Ringrazio tutti gli operatori sanitari, le forze dell’ordine, i volontari e quanti, in questo tempo di sacrifici, si impegnano per sconfiggere il contagio, lenire le sofferenze e garantire la vita sociale così come oggi è possibile”.

Proprio nel periodo di massima diffusione della pandemia, era il 27 marzo scorso, il vescovo di Città di Castello, mons. Domenico Cancian, si era recato da solo al cimitero monumentale di Città di Castello per un momento di raccoglimento e preghiera e per impartire la benedizione a tutti i defunti. Occasione ripetutasi per altre due volte in primavera e in estate al Santuario della Madonna delle Grazie quando, assieme al sindaco Bacchetta, il vescovo ha partecipato a momenti di preghiera e riflessione davanti alla immagine della Madonna la “patrona” della città.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!