Uj consuma troppo, Eurochocolate produce troppi rifiuti: analisi della sostenibilità delle manifestazioni di Perugia - Tuttoggi

Uj consuma troppo, Eurochocolate produce troppi rifiuti: analisi della sostenibilità delle manifestazioni di Perugia

Redazione

Uj consuma troppo, Eurochocolate produce troppi rifiuti: analisi della sostenibilità delle manifestazioni di Perugia

Gio, 29/11/2012 - 17:15

Condividi su:


Umbria Jazz, Eurocholate e il Festival del giornalismo non hanno un impatto negativo sull’ambiente. Anche se emerge però qualche criticità: Umbria Jazz consuma troppa elettricità, Eurochocolate produce troppi rifiuti. Il Festival del giornalismo, svolgendosi al chiuso, è a impatto zero. Sono questi, in sintesi, i dati più concreti emersi dalla ricerca del progetto Zen Zero – Impact Cultural Heritage Event Network, finanziato dal programma di Cooperazione Europea Interreg Ivc, di cui il Comune di Perugia è partner con il coordinamento di Sviluppumbria.

Il progetto, ha lo scopo di identificare una metodologia comune per ridurre l’impatto degli eventi (culturali, musicali e/o a grande richiamo di pubblico) sul patrimonio culturale delle città. A fare il punto è stato questa mattina l’assessore allo Sviluppo economico e Turismo, Giuseppe Lomurno, durante una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Grossi. Il progetto, di cui fanno parte 10 partner provenienti da 8 paesi europei, si concluderà nel 2014 e viene finanziato interamente da contributi europei e nazionali.

Mettere a punto indicatori, individuare i criteri per arrivare a un dato di sostenibilità degli eventi è fondamentale non solo perché la sostenibilità si traduce in un riscontro anche economico, ma anche perché rientra tra i parametri per la candidatura di PerugiAssissi a capitale della cultura per il 2019. Di questo hanno parlato Chiara Dall’Aglio (Sviluppumbria), Fabiola De Toffol (Poliedra progetti in partenariato), e Piercarlo Pettirossi (Fondazione PerugiAssisi).

Lomurno, che parteciperà al prossimo, terzo, incontro di progetto che si terrà a breve Rotterdam, dopo Perugia e Londra, ha detto che l’incontro “sarà l’occasione per ascoltare esperienze straniere presentate anche da esperti di settore, oltre che a rafforzare la rete di relazioni che porterà auspicabilmente a future collaborazioni internazionali”. Il tutto finalizzato all’identificazione di una metodologia comune per ridurre l'impatto degli eventi sul patrimonio culturale delle città. “Un progetto che contribuisce alla costruzione di città più intelligenti e quindi si inserisce nelle attività che l'Amministrazione comunale sta realizzando in vista della candidatura di Perugia e Assisi a capitale europea della cultura 2019”.

10 i partner del progetto provenienti da 8 paesi europei: Municipio di Drama (Grecia), Municipio di Vilnius (Lituania), Consiglio Distrettuale di Sigulda (Lettonia), Università di East London (Regno Unito), Centro di Promozione Imprenditoriale di Gotse Delchev (Bulgaria), Centro si Sviluppo di Murska Sobota (Slovenia), Agenzia di Sviluppo regionale del Nord Est della Romania (Romania), Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Estremadura (Spagna), Università Erasmus di Rotterdam (Olanda), Contea di Powys (Regno Unito).

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!