Treofan, M&C e Jindal ancora assenti al Mise | Sindacati "Fermare licenziamenti a Battipaglia" - Tuttoggi

Treofan, M&C e Jindal ancora assenti al Mise | Sindacati “Fermare licenziamenti a Battipaglia”

Luca Biribanti

Treofan, M&C e Jindal ancora assenti al Mise | Sindacati “Fermare licenziamenti a Battipaglia”

Nubi si addensano anche sullo stabilimento di Terni dove calano gli ordini
Gio, 07/02/2019 - 18:38

Condividi su:


Ancora interlocutorio ed insoddisfacente l’incontro che si è tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico a Roma, per la vicenda riguardante le società Jindal/Treofan. Tra i convocati all’incontro oltre a sindacati ed istituzioni, figuravano anche i vertici di Jindal, Treofan e la cedente M&C.

Il giudizio dei sindacati è negativo visto che, secondo quanto riferito da Cgil, Cisl e Uil, la Jindal non si è presentata nuovamente al tavolo tecnico, così come Management & Capitali ha declinato l’invito del Ministero, non presentandosi all’incontro.

La riunione è iniziata con la denuncia, da parte di tutti i soggetti istituzionali e sindacali presenti, sull’atteggiamento ritenuto “irrispettoso verso le più elementari regole di relazioni sindacali, da parte della società Jindal, aggravata negli ultimi giorni dall’apertura della procedura di licenziamento collettivo, per chiusura dell’impianto” istanza inviata a tutte le maestranze di Battipaglia.

I sindacati hanno giudicato “Uno schiaffo inaccettabile” la procedura di licenziamento collettivo, anche perché avvenuta dopo un mancato incontro al Mise proprio per l’irreperibilità della Società Jindal, “comportamento che definisce senza alcun dubbio con chi abbiamo a che fare” – attaccano ancora i confederati.

Nella precedente riunione al Mise dell’8 gennaio, una delle richieste del tavolo avanzata all’azienda da parte delle Organizzazioni Sindacali e dello stesso Mise era stato di non procedere ad ulteriori iniziative unilaterali da parte dell’azienda, in attesa dell’incontro per costruire un confronto a partire dal progetto industriale.

Nonostante queste premesse, secondo quanto riferito dai sindacati in una nota congiunta, l’azienda avrebbe continuato a spostare ordini indebolendo il contesto produttivo Treofan Italy, e quindi anche Terni (dove i rappresentanti delle Rsu hanno incontrato il ministro dell’Interno Salvini), in favore della controllante Jindal.

Alla fine della riunione, dopo molte ore di confronto, l’azienda si è impegnata a presentare nel prossimo incontro previsto per il 18 febbraio un dettagliato piano industriale sulla situazione di mercato, sui prodotti degli stabilimenti italiani e il relativo impatto economico delle produzioni nei tre stabilimenti europei e un piano strategico complessivo del gruppo.

“L’azienda ha inoltre chiarito che la società Treofan Europe è partecipata al 51% dalla JPF Dutch BV, la quale ha contemporaneamente il controllo del 100% della società Jindal Film Europe Brindisi s.r.l., di non essere a conoscenza di indagini di Autorità indipendenti, rispetto alla vicenda di acquisizione della società Treofan.

L’azienda – continua la nota dei sindacati – ha altresì respinto ogni addebito avanzato dalle OO.SS. rispetto agli spostamenti di ordini e clienti, nonché di utilizzo del marchio rispetto a lavorazioni intersocietarie, giustificandole nell’alveo delle facoltà aziendali.

Considerando le risposte assolutamente vaghe ed insufficienti, continuerà da parte nostra l’iniziativa di denuncia di tutta l’operazione tesa a cancellare l’assetto produttivo italiano della Treofan, in favore del mercato di Jindal e di quello tedesco della Treofan.

Stanno continuando le valutazioni dei legali, che unitariamente stanno analizzando tutta la documentazione in nostro possesso, per verificare tutte le possibili azioni che potremo intraprendere a difesa del lavoro e dei lavoratori.

Abbiamo ribadito con forza che il ritiro dei licenziamenti resta l’elemento, e la condizione per aprire finalmente un proficuo confronto con l’azienda”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!