Terni, salta la protesta dei rifugiati

Terni, salta la protesta dei rifugiati | Più vicini a un accordo

Redazione

Terni, salta la protesta dei rifugiati | Più vicini a un accordo

Intanto le forze dell'ordine 'presidiano' una piazza deserta
Lun, 03/08/2015 - 18:26

Condividi su:


Il problema c’è, la manifestazione no. Il sit-in di protesta annunciato da alcune associazioni, tra le quali inTerni Stranieri e lab com Blob, prima dell’inizio del Consiglio Comunale odierno è saltato. I delegati dei 28 uomini e donne per i quali sono scaduti i termini di assistenza in qualità di rifugiati politici sono stati ricevuti dal sindaco questa mattina e dall’incontro sembra essersi aperto uno spiraglio.

Ci troviamo – afferma Marco Coppoli, uno dei volontari che lotta per i diritti di queste persone – in una situazione veramente difficile. Quattro nuclei familiari non hanno più di che vivere e dopo quattro anni in cui non si è riusciti ad avviare un vero percorso d’integrazione, nessuno ha un lavoro, adesso sono stati abbandonati a sé stessi. Non hanno più il poket-money, vivono senza percepire nemmeno un euro e devono il proprio sostentamento a strutture come la Caritas che garantiscono ancora vitto e alloggio. La situazione è veramente delicata. Da parte nostra c’è la volontà di richiamare l’attenzione pubblica su questa vicenda ma anche il desiderio di evitare facili e inopportune strumentalizzazioni. Queste persone meritano rispetto non possiamo permettere che diventino strumenti di propaganda”.

Dopo quattro anni di assistenzialismo i fondi per queste famiglie sono terminati, per decorrenza dei termini del progetto di aiuto, ma la situazione generale è rimasta come quella iniziale, ossia con quattro nuclei familiari che non sono in grado di autosostenersi.

I delegati del comitato pro-rifugiati, dopo l’incontro con il primo cittadino hanno indetto una riunione con i 28 uomini e donne, fin qui oggetto degli aiuti, per decidere insieme il cammino da seguire. L’incontro si svolgerà oggi pomeriggio alle 18.30. “Dobbiamo decidere insieme quale strada intraprendere – prosegue Coppoli – anche se è chiaro che se non ci verranno aperte le porte della Prefettura non sarà facile trovare una soluzione”.

In attesa che nuove risorse vengano destinate a sostegno dei 28 immigrati, la mancata manifestazione ha prodotto comunque un disavanzo. A causa di un deficit comunicativo a partire dalle 14.00 di oggi pomeriggio, Palazzo Spada è stato ‘presidiato’ da Carabinieri e Polizia. Le forze dell’ordine non sono state avvisate del cambio di programma e così sono stati inutilmente sprecati uomini e risorse. Quando si dice:“Piove sul bagnato”.

di Mirco Diarena

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!