Terni, il caso-caos del teatro Verdi - "Qualcuno rema contro il sindaco?" - Tuttoggi

Terni, il caso-caos del teatro Verdi – “Qualcuno rema contro il sindaco?”

Redazione

Terni, il caso-caos del teatro Verdi – “Qualcuno rema contro il sindaco?”

Dom, 07/07/2013 - 11:59

Condividi su:


Ternideale

All’annuncio di una seconda conferenza dei servizi sul recupero del Teatro Comunale di Terni “Giuseppe Verdi”, in programma il prossimo 8 luglio alla quale, oltre a un’infinità di enti pubblici sono stati invitati solo alcuni soggetti privati, tra i quali il Teatro Stabile dell’Umbria il cui apporto per i teatri e i luoghi di spettacolo di Perugia e provincia è particolarmente significativo, come associazione che ha a cuore gli interessi culturali, valoriali e identitari della città di Terni non possiamo che esprimere senso di smarrimento e latente delusione. Nell’incontro pubblico organizzato dal Comune di Terni lo scorso 16 maggio tutti gli interventi della cosiddetta società civile furono contrari alla proposta del Comune tranne uno, l’ultimo, che è sembrato di parte perché senza apporto di argomenti giustificativi della soluzione proposta dal comune. Comunque in quella sede il sindaco, come è possibile verificare dalla registrazione audio-video della conferenza pubblicata sul nostro sito internet (www.ternideale.it), aveva manifestato la disponibilità di organizzare un tavolo di lavoro con i rappresentanti della cittadinanza per esaminare le varie problematiche risultando – a nostro avviso – la parte progettuale non aderente alle aspettative e non adatta nemmeno ad un rilancio culturale della città. Del tavolo di confronto nessuna traccia, per ora. Però va avanti l’iter amministrativo per il via libera alla realizzazione di quella idea progettuale che lo scorso 16 maggio conobbe un quasi unanime coro di critiche. Ciò fa sorgere il sospetto, speriamo infondato, che qualcuno stia remando contro il sindaco Di Girolamo. Il contenitore che si vuole realizzare, infatti, non è altro che un restauro del cinema Lucioli che non ha niente a vedere con il vero teatro che avevamo. Notiamo con piacere che il Comune ha reperito la somma occorrente per il ripristino del cinema, ribadiamo ancora una volta che tale somma è spesa nel peggiore dei modi. Quando l’amministrazione comunale ha esigue disponibilità finanziarie è bene che queste vengano spese per gli interventi più urgenti per la città come sistemazioni stradali o quant’altro. Tenendo conto che i cittadini ternani hanno atteso circa 70 anni per riavere il loro teatro possono aspettare ancora pur di avere un edificio degno di essere chiamato teatro. Anche piazza Tacito ha problematiche analoghe, ma nessuno ha pensato mai di ricostruire una fontana diversa da quella che c’è sempre stata, magari per spendere meno, eppure le condizioni dello stato di fatto indicano che le singole parti siano da ricostruire o da ristrutturare quasi per intero ( catino, pennone, mosaici, impianto di pompaggio ecc.). Era e sarà ancora un simbolo della città, come dovrebbe essere il teatro Verdi.
Ribadiamo l’opportunità di completare contemporaneamente il totale ripristino della piazza, compreso il senso di marcia dei veicoli intorno alla fontana eliminando tutte le strutture che ne hanno alterato l’originaria fisionomia( panchine, paletti ecc.). Attenzione, per essere protagonisti bisogna salvare e ripristinare quelle strutture prestigiose, identificative di una comunità, che appassionati amministratori hanno voluto e professionisti di prim’ordine hanno realizzato. Ignorarle, o peggio distruggerle significa perdere le proprie radici, dividere la comunità, proiettarsi nell’anonimato, nella mediocrità e… nel caos.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!