Teatro Verdi, il progetto nei dettagli | Lavori nel 2022 - Tuttoggi

Teatro Verdi, il progetto nei dettagli | Lavori nel 2022

Redazione

Teatro Verdi, il progetto nei dettagli | Lavori nel 2022

Mer, 09/06/2021 - 13:57

Condividi su:


Rispetto al progetto generale e definitivo, l’architetto Marcello Galiotto ha illustrato i criteri e le scelte che hanno guidato i progettisti

Sono molti e interessanti gli sviluppi e le novità del progetto per il nuovo Teatro Verdi presentati oggi, mercoledì 9 giugno, dall’architetto Marcello Galiotto, nel corso di una conferenza stampa. Lo studio Amaa vincitore del concorso ha infatti concluso e consegnato il progetto architettonico, ora all’esame della Sovrintendenza e, entro pochi giorni, come da contratto, consegnerà l’intero progetto definitivo.

“Progetto approfondito”

“Si tratta, naturalmente – ha detto il sindaco Leonardo Latini – di un progetto approfondito e arricchito rispetto all’idea illustrata in settembre. Ma la novità più consistente riguarda l’organizzazione delle fasi costruttive. Grazie alla disponibilità della Fondazione Carit è stato possibile implementare le azioni comprese nel primo stralcio”.

Terni, il ‘caso’ teatro Verdi finisce in Procura | Esposto del consigliere Fiorini

Prima costruzione dell’involucro del teatro

“Come si ricorderà, infatti il primo stralcio funzionale, già finanziato, comprendeva la demolizione e lo smontaggio dell’edificio novecentesco e della torre scenica, tranne la facciata ottocentesca e la realizzazione nella parte sottostante della sala del ridotto. In seguito ad un finanziamento di recente deliberato dal consiglio d’amministrazione della Fondazione Carit – specifica il sindaco – siamo invece ora in grado di anticipare al primo stralcio anche la costruzione dell’involucro del nuovo teatro”.

Lavori ‘a vista’

“Inoltre – ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati sulla base di una brillante soluzione ideata dai progettisti, la parte posteriore del teatro, quella su largo Sant’Agape, dove dovrà poi sorgere la nuova torre scenica, potrà essere allestita come piazza urbana provvisoria, con un arredo speciale e con alcune particolarità: la prima è l’inserimento nella facciata posteriore del nuovo involucro del teatro di una grande vetrata (anch’essa provvisoria) che consentirà ai cittadini e a tutti coloro che transiteranno o sosteranno nella nuova piazza di seguire i lavori all’interno del teatro”.

Ingresso per il ridotto

La seconda novità riguarda la realizzazione sulla stessa piazza dell’ingresso per il ridotto, anche in questo caso con un allestimento speciale. Il nuovo largo sant’Agape, nel retro del teatro, sarà così immediatamente riqualificato e potrà essere vissuto dai cittadini con nuove funzioni, anche come spazio per eventi.
“L’involucro del nuovo teatro sarà, in questa prima fase che ci auguriamo la più breve possibile un grande contenitore vuoto – specifica l’assessore – ma per certi versi affascinante, quasi come l’interno di una cattedrale in costruzione. Insieme agli architetti stiamo valutando la possibilità di utilizzarlo, sempre provvisoriamente, per alcuni eventi”.

2,3 milioni dalla fondazione Carit

La Fondazione Carit ha messo a disposizione 2,3 milioni per l’integrazione e il completamento del primo stralcio. In questo senso il presidente della Fondazione Carit, Luigi Carlini ha espresso la soddisfazione della Fondazione per l’avanzamento del progetto “che continueremo a sostenere anche nelle fasi successive” e che “è da considerare di fondamentale importanza per la città, per la sua cultura, per la sua attrattività, per il suo futuro”.

Dialogo con la storia della città

Rispetto al progetto generale e definitivo, l’architetto Marcello Galiotto ha illustrato i criteri e le scelte che hanno guidato i progettisti tenendo in forte considerazione il dialogo e il rapporto del nuovo teatro con la storia e il tessuto urbano di Terni.

Tradizione e innovazione

“In primo luogo – ha detto l’architetto Galiotto – è stato preso in considerazione il rapporto che si instaura tra le nuove volumetrie introdotte dal progetto e le trasformazioni che il tessuto urbano ha subito nel corso del tempo. Poi ci siamo posti l’obiettivo di far emergere le relazioni di tipo formale, figurativo e materico tra il progetto per il restauro e la ricostruzione del Teatro Verdi e il contesto urbano del centro storico della città, mantenendo come tematica principale le diverse matericità degli edifici e del relativo contesto urbano presi a riferimento dal progetto, in relazione all’epoca di costruzione”.

Color miele

“In particolare – ha spiegato Galiotto – il nuovo bordo esterno e il nuovo volume su Via dell’Ospedale, attraverso la muratura perimetrale in laterizio facciavista ricercano un dialogo con il trecentesco Palazzo Carrara, attraverso la riproposizione di una cromia e matericità analoghe al laterizio dalle tinte color miele delle murature prive di intonaco della facciata del palazzo”.

Filo rosso con Palazzo Spada

“La poderosa mole del cinquecentesco Palazzo Spada e la scabra matericità della sua facciata costellata dalle buche pontaie vogliono invece riecheggiare nel nuovo volume emergente della torre scenica in cemento bocciardato dalle tinte terrose. La citazione di Palazzo Spadacontinua l’architetto – messa in scena attraverso la riproposizione di analoghe proporzioni volumetriche, caratteristiche materiche e dell’elemento figurativo della buca pontaia, aspira a collocare il nuovo volume della torre scenica nell’immaginario della città di Terni. Attraverso il dialogo che il Teatro vuole stabilire con uno degli edifici più rappresentativi della città si vuole stabilire il legame con un’altra delle epoche principali per la costruzione di Terni, il ‘500”.

La Terni di Ridolfi

“La Terni moderna ridolfiana, nel dialogo che instaura con la Terni antica, si ritiene vada, in un certo senso, a consolidare l’immagine del “non-finito” che caratterizza la città antica. Lo stesso “ridolfismo” porta avanti anch’esso la costruzione di quell’immagine della città fortemente contraddistinta dalla matericità e dalle cromie dei materiali da costruzione che vengono dichiarati in facciata attraverso la scelta di non utilizzare l’intonaco. La pietra locale e il laterizio ritrovano così, con Ridolfi e l’edilizia che ne fa seguito, il loro ruolo nei tamponamenti dei telai in cemento armato che definiscono la trama delle facciate di molti palazzi del centro storico. I due materiali, il cemento e il laterizio tornano entrambi nel progetto per il teatro, ed in particolare nella torre scenica, introducendo un ulteriore dialogo con la città novecentesca di ricostruzione post-bellica”.

Lavori nel 2022

L’assessore Benedetta Salvati ha ringraziato i progettisti e i tecnici dell’assessorato, in particolare gli architetti Piero Giorgini e Mauro Cinti. “Ci aspettano altri sei mesi molto intensi, perché entro il 2021 dovremo aver assegnato i lavori che inizieremo all’inizio del 2022”. Per quel che riguarda i finanziamenti relativi al secondo stralcio i tecnici e l’assessore hanno ricordato che il Comune ha di recente partecipato a un bando su fondi del PNRR e si è in attesa di una risposta.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!