“Tante care cose” miglior film al Festival “Corto&Cultura” | Film del regista ternano David Fratini

“Tante care cose” miglior film al Festival “Corto&Cultura” | Film del regista ternano David Fratini

La giuria “Siamo in zona capolavoro”

share

Il cortometraggio “Tante Care Cose” (dramm., Italia, 2018, 14 min.), scritto prodotto e diretto dal ternano David Fratini, vince come Miglior Film alla 12° Edizione del Festival Corto&Cultura di Manfredonia (FG), selezionato tra oltre 700 opere provenienti da tutto il mondo. Questa la motivazione della giuria:

“In tutto c’è stata bellezza, direbbe Manuel Vilas. Il corto di Fratini è una “sinfonia familiare” in cui un presente difficile da spiegare viene illuminato da un passato dove i luoghi e le persone avevano tutto un altro colore. E’ un eccellente esempio di found footage film ed è un lavoro felicemente alieno dal panorama del cortometraggio italiano contemporaneo. Grandissima Maristella Marinelli. Siamo in zona capolavoro”

Il corto è stato girato interamente nella provincia di Terni, precisamente nel centro città e a Piediluco, con troupe e attori ternani o residenti in città. Protagonista è l’attrice teatrale (ma anche stimata poetessa dialettale e pittrice) Maristella Marinelli, che per “Tante Care Cose” ha messo da parte la sua verve comica per interpretare un personaggio sofferto, silenzioso, incapace di fare i conti con il presente, che si rifugia nei ricordi del suo passato felice.

Per ottenere questo viaggio continuo tra presente e passato il regista ha utilizzato i filmini super8 della sua famiglia, girati negli anni 60. Tra gli altri interpreti del corto figurano anche il regista teatrale Silvano Locci (è il marito della protagonista) e gli attori teatrali Laila Santirosi (la figlia), Alban Guillon e Cecilia Di Giuli. La fotografia e le riprese sono state affidate a Stefano Meluni, il montaggio del pratese (ma residente a Terni) Filippo Corrieri, il suono di Alessandro Deflorio, fonico di presa diretta Daniele Donnie Cruccolini, le musiche di Chopin e Debussy sono eseguite al pianoforte da Giovanna Karen Vagata, mentre il compositore francese Jean Louis Gand ha concesso i diritti del suo Magnificat; le grafiche sono di Lisa Atzeni.

La premiazione del festival Corto&Cultura si è svolta sabato 27 luglio presso l’incantevole location della Lega Navale di Manfredonia ed ha chiuso la kermesse iniziata il 23 luglio.

share

Commenti

Stampa