Svolta sull'Ex Zuccherificio: Zuccarini dice no all'accordo 2019

Un parere legale porta una svolta sull’Ex Zuccherificio: Zuccarini dice no all’accordo 2019

Redazione

Un parere legale porta una svolta sull’Ex Zuccherificio: Zuccarini dice no all’accordo 2019

Mer, 30/06/2021 - 16:26

Condividi su:


Comunicazione alla città di Zuccarini, si riapre la discussione

Il sindaco Stefano Zuccarini, insieme alla sua giunta, presentano in diretta streaming, una novità sul tema dell’ex Zuccherificio. C’è un parere legale, di un “valentissimo esperto, di rilevanza nazionale in materia giuridico – urbanistica, soggetto terzo rispetto alla vicenda” che scrive la parola fine sull’accordo del 2019 e apre una nuova pagina.

Ex Zuccherificio, l’accordo con Coop scade: riparte la macchina dei ricorsi

“Progetto subcomparto non può essere accettato”

L’esperto scrive che “il progetto di subcomparto presentato non possa essere accolto dall’amministrazione per una duplice ragione. Il progetto si traduce in una variante di quanto previsto nel piano esecutivo decaduto e in contrasto con quanto previsto dall’articolo 17, terzo comma, della legge urbanistica. In secondo luogo perché il progetto si pone in contrasto con i divieti di edificabilità previsti nel Pai (Piano di assetto idrogeologico). Vincoli pienamente cogenti, anche nelle aree ricomprese in strumenti urbanistici decaduti”.

Il video dell’intervento del sindaco

“Si riapra il dibattito”

Un riferimento alla Convenzione e al Piano attuativo per l’area, scaduti nel 2015 senza il necessario e previsto esproprio dell’area Gabrielli. E sul futuro, Zuccarini va avanti: “Abbiamo ricevuto la disponibilità di Coop a continuare a sedersi al tavolo che non abbiamo mai abbandonato, rispettando il legittimo interesse del privato e rispettando anche la città, nell’interesse esclusivo della riqualificazione dell’area. Il fatto che l’amministrazione non ritenga praticabile l’accordo non significa che sarà degrado per quell’area. Il fatto che l’amministrazione ritorni titolare del potere conformativo della proprietà apre la possibilità a tutti, città, associazioni, cittadini, proprietà con la quale ci auguriamo di poter collaborare per questa nuova progettazione, per trovare soluzioni che condivideremo con la città e con tutti, usando l’area nel rispetto del proprietario e della città“.

La macchina dei ricorsi

Da chiarire come si inseriscono i ricorsi pendenti al Consiglio di stato, pronto a convocare un’udienza per arrivare a sentenza. Una macchina, quella dei ricorsi, che dovrà essere fermata quanto prima.

La “polpetta avvelenata”

L’accordo “polpetta avvelenata“, ritenuto monco in quanto non includeva Magazzini Gabrielli, è stato seppellito da un nuovo corso. Nuovo corso, prima del quale, il sindaco ha voluto ricordare con una ricostruzione puntigliosa, la genesi della querelle, le richieste di ricorso “di 10 milioni” per “gli oneri di urbanizzazione“, “imputabile alle giunte precedenti“, il progetto de ‘I cipressi’ e la decisione dell’affidamento della redazione di un parere.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!