Stupro in centro, arrestato 19enne: sospettato anche di un'altra violenza a gennaio

Stupro in centro, arrestato 19enne: sospettato anche di un’altra violenza a gennaio

Redazione

Stupro in centro, arrestato 19enne: sospettato anche di un’altra violenza a gennaio

Fermato dai carabinieri, avrebbe abusato anche di un'altra minorenne in un centro commerciale
Mar, 16/06/2020 - 12:10

Condividi su:


Stupro in centro, arrestato 19enne: sospettato anche di un’altra violenza a gennaio

Stupro in centro, arrestato 19enne. Il giovane, fermato dai carabinieri dopo l’attività di indagine, è sospettato di aver abusato della 15nne, la notte dell’11 giugno, in centro a Perugia.

Secondo quanto ricostruito anche sulla base della testimonianza della minorenne, i due si sarebbero conosciuti quella stessa sera, in un locale del centro. Il 19enne l’avrebbe invitata ad uscire dal locale con il pretesto di fumare una sigaretta. A quel punto, in un luogo appartato, sarebbe avvenuto lo stupro della ragazzina, che ha provato invano ad opporre resistenza, colpendolo con un calcio.

La minorenne, sconvolta e in lacrime, ha raccontato la violenza agli amici rimasti nel locale. Quindi, il ricovero in ospedale a Perugia.

La seconda violenza

Le indagini hanno portato i carabinieri sulle tracce di un 19enne. Sospettato anche di un’altra violenza sessuale, avvenuta lo scorso gennaio, in un centro commerciale. Anche in quel caso la vittima è una minorenne, che ha denunciato la violenza successivamente.

I due erano però conoscenti. Il 19enne, dopo averla convinta, con un pretesto, a seguirlo, ha condotto la ragazza in un luogo appartato, dove nessuno poteva scorgerli. Qui giunto, incurante della volontà contraria della minore, l’ha costretta, mediante violenza, a subire atti sessuali. La ragazza, spaventata anche dalla preponderante fisicità dell’aggressore, non è riuscita a urlare, né tantomeno a chiedere aiuto.

Vinto l’iniziale periodo di silenzio e vergogna, la vittima, solo dopo alcuni giorni, ha trovato la forza di denunciare l’aggressore.

In carcere a Capanne

Il 19enne è stato trasferito in carcere a Capanne, dove è a disposizione dell’autorità giudiziaria. A suo carico, affermano fonti investigative, ci sono “gravi e concordanti elementi di colpevolezza”. Il giovane, infatti, sarebbe stato riconosciuto dalle due ragazzine e da alcuni degli amici.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!