SI APRE IL MERCATO BALCANICO PER LE IMPRESE ITALIANE

SI APRE IL MERCATO BALCANICO PER LE IMPRESE ITALIANE

share

Sono sempre più interessanti le opportunità che si vanno delineando per le imprese italiane ed in particolare per quelle umbre in Serbia. Grazie anche alla vittoria alle recenti elezioni di Boris Tadic, che guarda ai mercati europei con grande interesse per poter finalmente far uscire il suo paese dalle difficoltà degli anni di Milosevic.

Per questi motivi una delegazione del Comint , Consorzio Multisettoriale Interregionale per l'Internazionalizzazione, con sedi a Roma e Perugia, nella figura del suo Presidente Riccardo Spadolini e del Consigliere Sara Carmeli hanno attivato dei rapporti importanti di collaborazione con la Camera di Commercio Italo – Serba al fine di promuovere e valorizzare le piccole e medie imprese sia regionali che nazionali nell'area dell'ex Jugoslavia.

“Ci sono in atto grandi cambiamenti economici in Serbia – spiega Sara Carmeli – con importanti possibilità di sviluppo per le nostre imprese”.

La Repubblica Serba inoltre, grazie al nuovo assetto politico istituzionale ed all'area di libero scambio, all'interno della quale le merci prodotte nei paesi balcanici limitrofi possono viaggiare senza problemi di dazio, si propone come uno degli Stati capaci di offrire all'Italia notevoli possibilità di interscambio economico-industriale. La Serbia usufruisce anche di un rapporto privilegiato con la Repubblica Federale Russa, per cui le merci prodotte  nell'area dell'ex Jugoslavia hanno diritto d'accesso al mercato russo con dazio agevolato all'1%.

“Grazie alla neonata Camera di Commercio Italo -Serba – conclude Spadolini – si possono creare degli interscambi molto proficui per i nostri imprenditori, in un'area che sta vedendo una buona stabilità sia politica che economica, il riconoscimento della camera di commercio Italo – Serba con atto ufficiale è un traguardo importante per le aziende italiane che sopratutto nel settore produttivo ed in quello dell'edilizia possono trovare notevoli opportunità di sviluppo”.

Intanto sono già molte le aziende umbre che hanno iniziato i loro investimenti nella terra dell'ex Jugoslavia tra cui  Gesenu,  Wermipoll ed Umbria Packing.

Le imprese che fossero interessate ad avere maggiori informazioni si possono  rivolgere presso gli uffici del Comint in Via Gerardo Dottori 85 San Sisto Perugia oppure telefonicamente ai numeri 3396839024 -3388056443

share

Commenti

Stampa