Scuola, precari in presidio all'Ufficio Scolastico | Mancano 150 cattedre di sostegno - Tuttoggi

Scuola, precari in presidio all’Ufficio Scolastico | Mancano 150 cattedre di sostegno

Sara Cipriani

Scuola, precari in presidio all’Ufficio Scolastico | Mancano 150 cattedre di sostegno

Gio, 24/09/2020 - 15:11

Condividi su:


Scuola, precari in presidio all’Ufficio Scolastico | Mancano 150 cattedre di sostegno

Docenti, personale Ata, studenti e famiglie manifestano per una scuola "trasparente"

Insegnanti precari sul piede di guerra per le cattedre ‘vuote’ ad inizio anno scolastico.

Presidio

Nel pomeriggio di oggi i Cobas hanno organizzato un presidio davanti all’Ufficio Scolastico Territoriale al quale hanno preso parte anche studenti, famiglie e personale ATA, per manifestare contro i ritardi, gli errori e le modalità con cui si stanno svolgendo le convocazioni e le assegnazioni delle supplenze del sia personale docente che ATA.

La contestazione

‘Bersaglio’ della contestazione sono i numerosissimi errori dal sistema informatico sui punteggi delle graduatorie. Molti docenti hanno perso posizione o addirittura rischiano di rimanere senza contratto. Alcuni sono stati cancellati dalle graduatorie per meri errori di compilazione causati da procedure nuove, mai sperimentate, poco chiare e senza avere possibilità di rettifica.

Cattedre ‘vuote’

Il risultato è che a 10 giorni dall’inizio delle lezioni non sono state ancora ultimate le convocazioni dalle Graduatorie ad Esaurimento e Graduatorie Provinciali per molte classi di concorso e le cattedre rimangono scoperte. Allarmante è la situazione per il sostegno con più di 150 cattedre non ancora assegnate.

“Manca trasparenza”

“Non sono state rispettate le modalità di informazione sulla pagina web ed è venuto meno il principio di trasparenza per le assegnazioni – spiegano i Cobas in una nota – gli uffici scolastici non ricevono al pubblico da quasi un mese e non rispondono neanche al centralino per chiarimenti. Le assegnazioni delle cattedre vengono pubblicate di sabato e di domenica, modificate senza rettifica anche di notte e in qualche caso con presa di servizio per il giorno seguente alle 8:00, senza il rispetto delle dovute 24 ore”.

Noto supplenze brevi

Ad aggravare la situazione molti istituti non rispettano modalità e tempistiche e chiamano già per le supplenze brevi e per l’organico Covid che, come sappiamo, prevede il licenziamento sul tronco in caso di lockdown, l’interruzione del servizio e non dà diritto all’indennità di disoccupazione. I Dirigenti a scuola, infine, ricoprono i posti del sostegno e i posti comuni con docenti del potenziamento utilizzati come tappabuchi e pedine.

Le rivendicazioni

“Come Cobas Scuola Terni – seguita la nota – chiediamo convocazioni in presenza nel pieno rispetto delle norme anti Covid. Chiediamo una revisione delle graduatorie in tempi rapidi per garantire la regolarità delle convocazioni. Chiediamo trasparenza e rispetto delle procedure e delle tempistiche”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!