Schianto doppio su Terni-Perugia | M5S "E45 a pagamento" - Tuttoggi

Schianto doppio su Terni-Perugia | M5S “E45 a pagamento”

Luca Biribanti

Schianto doppio su Terni-Perugia | M5S “E45 a pagamento”

Tir perde controllo e finisce fuori strada | Tamponamento per i rallentamenti, E45 chiusa
Mer, 18/11/2015 - 17:26

Condividi su:


Schianto doppio su Terni-Perugia | M5S “E45 a pagamento”

Doppio incidente sulla E45, all’altezza di Montecastrilli che ha visto coinvolti mezzi pesanti. Dopo la pesante giornata di ieri, con due gravi incidenti sulle strade di Narni (uno lungo l’ex Ortana, l’altro in Via Tuderte), anche oggi sulle strade ternane ci sono feriti. Ancora da verificare quanto accaduto sulla corsia nord della Terni-Perugia, ma sembra che nel primo incidente sia coinvolto un tir finito contro il new jersey, mentre il secondo, che ha visto coinvolte 3 autovetture in un tamponamento a catena, si sarebbe verificato per l’improvviso incolonnamento di auto dovuto al rallentamento del traffico. Sul posto, oltre al personale Anas, anche un equipaggio del 118 per il soccorso dei feriti. La E45 è stata momentaneamente chiusa nel tratto Montecastrilli-Acquasparta, con uscita obbligatorio a Montecastrilli per chi viaggia verso nord.

Sulla vicenda è intervenuto anche il M5S con una nota: “In Aula si fa pochissimo, tra una profluvie di parole. E si accumulano i problemi: ripartiamo dalla E45, spina dorsale della mobilità in Umbria. Si susseguono incidenti, provocati dalla deriva cui è stata indirizzata questa strada, trasformata in camionabile di tutto il Centro Italia.

Attendiamo da oltre un mese di poter discutere una mozione sottoscritta da Movimento 5 Stelle, FDI e FI al fine di pedaggiare quei 3.000 TIR che quotidianamente la percorrono. TIR carichi spesso all’inverosimile, fino a consumare e distruggere un’infrastruttura che, d’altronde, per anni non ha ricevuto la minima manutenzione ordinaria, né fu progettata per simili flussi.

La responsabilità di tale caos è totalmente in capo alla politica, sia nazionale che regionale. Politica spesso imbelle e non di rado corrotta. Oggi intanto l’ennesimo TIR ha distrutto un brano di new jersey tra gli svincoli di Acquasparta e Montecastrilli, con gravi rischi per gli utenti di entrambe le carreggiate.

Pochi giorni fa un altro incidente gravissimo, con un camion fermo in galleria, tamponato da un padre di famiglia, purtroppo morto sul colpo.

Quando vogliamo finirla?

Quando vogliamo dare ordine a questa situazione, dopo 40 anni di niente?

La E45 è ingolfata di mezzi pesanti che l’attraversano esclusivamente per non pagare il pedaggio: il Movimento 5 Stelle dice ‘basta’!

Chi, alla guida dei TIR, la percorre integralmente, paghi o se ne vada altrove!

Non è accettabile questo laissez faire da parte della Regione, questo lavarsi le mani dinanzi a tanto degrado, alta incidentalità, devastazione ambientale tali da comportare una problematicità di sistema, con un danno concreto all’economia umbra ancora da quantificare. La E45 è peraltro l’unica infrastruttura di una regione la cui rete alternativa su ferro, da ex FCU a FSI, pur ben sviluppata, è parimenti totalmente allo sbando.

Frattanto quel che la politica non decide col doveroso pedaggio dei TIR –unico modo per ristabilire un primo equilibrio nei flussi- potrebbe accadere con modalità ben più severe a opera della Procura di Arezzo, che da tempo conduce indagini serrate sulla qualità dei lavori condotti sulla E45 nel corso degli anni: si parla della possibilità di inibirla totalmente ai mezzi pesanti, vista l’elevata pericolosità dell’arteria nelle condizioni date.

40 anni di inerzia potrebbero così condurre a soluzioni emergenziali che non dovranno davvero stupire nessuno, a partire dai politici, inerti protagonisti di questo (ennesimo) disastro”.

(foto archivio)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!