Residenze artistiche in Umbria, bilanci e prospettive a 3 anni dall'avvio - Tuttoggi

Residenze artistiche in Umbria, bilanci e prospettive a 3 anni dall’avvio

Redazione

Residenze artistiche in Umbria, bilanci e prospettive a 3 anni dall’avvio

Se ne è parlato a Perugia, Palazzo Donini, alla presenza dell'Assessore regionale alla Cultura Fernanda Cecchini
Lun, 13/11/2017 - 14:56

Condividi su:


Un bilancio dei tre anni passati – da quando il Ministero dei Beni Culturali ha iniziato a finanziare le residenze artistiche – e le prospettive per il futuro.

Questo il tema trattato nell’incontro pubblico che si è tenuto sabato scorso a Perugia, a Palazzo Donini, alla presenza dell’Assessore regionale alla Cultura Fernanda Cecchini e al quale hanno partecipato gli assessori comunali alla Cultura di Spoleto e di Foligno, rappresentanti delle cinque residenze artistiche dell’Umbria, tra cui Adriana Garbagnati de “La Mama International”, e diversi critici teatrali italiani, tra i quali Andrea Porcheddu de “Gli Stati Generali”.

“Le residenze di artisti sono un concetto in continua evoluzione – ha dichiarato nel suo intervento l’Assessore alla Cultura e al Turismo Camilla Laureti – sono nate in un modo e sono diventate altro. Anche per il sostegno arrivato dal Ministero e dalla Regione. basti pensare a come Apple, Google, Amazon hanno programmi in questo senso. E non è per una politica ‘sociale’ ma perché in un mondo in cui creatività e innovazione sono i motori di sviluppo, l’arte è un meccanismo che le attiva. Ecco che quindi una politica di residenza per artisti ha oramai un significato molto più ampio. È un vero arricchimento per una città, una comunità, una Regione. Per questo vanno sostenute e per questo vanno aperte il più possibile per favorire sempre di più il contatto tra il nostro tessuto creativo e gli artisti che partecipano alle residenze. Una bella strada in un mondo in cui la contaminazione, la collaborazione, l’incontro sono sempre più importanti ed in cui la creatività è un motore di sviluppo riconosciuto.”

Durante l’incontro si è discusso anche del progetto futuro di un centro di residenza unico che coinvolga le cinque residenze umbre riconosciute dal Ministero: Perugia, Foligno, Spoleto, Terni e Gubbio.

“Una buona idea e una buona occasione quella di lavorare tutti insieme ad un progetto comune – ha concluso l’Assessore Laureti – anche perché l’arte e il teatro e la cultura possono unire territori diversi mantenendo però intatte le loro specificità. Questa è la sfida per il futuro delle residenze artistiche in Umbria”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!