Ponte della Pietra, la chiesa consacrata a Giovanni Paolo II

Ponte della Pietra, la chiesa consacrata a Giovanni Paolo II

Redazione

Ponte della Pietra, la chiesa consacrata a Giovanni Paolo II

Lun, 16/05/2022 - 09:48

Condividi su:


Una festa per la comunità di Prepo, Ponte della Pietra e San Faustino

Una vera festa per la comunità religiosa la celebrazione della dedicazione della chiesa intitolata a san Giovanni Paolo II dell’Unità pastorale delle comunità parrocchiali di Prepo, Ponte della Pietra e San Faustino di Perugia. Insieme al cardinale Gualtiero Bassetti, concelebranti sono stati l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo, presidente della Conferenza episcopale umbra, e il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi, insieme ai sacerdoti dell’Unità pastorale, mons. Giuseppe Gioia, don Fabrizio Crocioni, don Antonio Paoletti e don Oscar Walter Huaman Bustamante, e ad altri sacerdoti diocesani. Alla celebrazione presenti anche i rappresentanti delle Istituzioni civili del capoluogo umbro e numerosi fedeli.

E Bassetti ha voluto vitare proprio San Giovanni Paolo II: “Quando consacriamo un tempio al Dio vivente entriamo nel mistero della Pasqua di Cristo. Cristo stesso, infatti, crocifisso e risorto, è la pietra angolare”.

L’impegno per la nuova chiesa

Nel ripercorrere le fasi della realizzazione della chiesa, il presule ha sottolineato “l’impegno di tutti nella ricerca continua di un luogo adatto e dei mezzi economici necessari per affrontare la costruzione di questa chiesa, fin dall’episcopato del mio predecessore, Mons. Giuseppe Chiaretti, di venerata memoria, di cui oggi ricordiamo il 39° anniversario di ordinazione episcopale, 15 maggio 1983. Grazie all’aiuto degli amministratori pubblici e delle ditte specializzate, questo campo, nella vallata dinanzi al Santuario della Madonna della Pietra, è divenuto il cuore pulsante di tutta l’Unità pastorale. Completati i lavori strutturali qualche mese fa, via via si è cercato di curare l’arredamento dell’aula liturgica e sistemare tutti gli spazi esterni, che offrono alla comunità parrocchiale, in particolar modo ai giovani, luoghi per la preghiera, per la catechesi, per la formazione e per lo svago». La chiesa, ha proseguito il cardinale «oggi si mostra in tutto il suo splendore, insieme alle opere parrocchiali; belle e funzionanti, nelle varie parti architettoniche. In questa comunità vi è stato un mirabile connubio tra la recente chiesa di pietre e la chiesa viva del popolo, che qui esisteva e si è formata lungo tanti anni di servizio pastorale di don Giuseppe Gioia e dei suoi collaboratori”.

“Esempio di sinodalidà”

Avviandosi alla conclusione, Bassetti ha auspicato che “questo complesso, con la sua chiesa, deve rappresentare – soprattutto nel tempo in cui si svolge il cammino sinodale della Chiesa italiana – un esempio di sinodalità. Qui devono collaborare in modo concreto, stimandosi vicendevolmente, le diverse associazioni di fedeli che fanno riferimento alle parrocchie del territorio, come anche i movimenti e i cammini che da tempo trovano spazio tra voi. Tutti, anche i fedeli che non fanno riferimento ad alcuna particolare espressione della fede, anche coloro che solo entreranno qui per una preghiera, devono trovare accoglienza e comunione”.

La liturgia

Diversi sono stati i segni che hanno caratterizzato la liturgia della dedicazione di questa nuova chiesa, dalla consegna delle sue chiavi da parte di mons. Gioia al cardinale Bassetti alla collocazione nell’altare della reliquia di san Giovanni Paolo II ex sanguine su abito indossato nel giorno dell’attentato in Piazza San Pietro, il 13 maggio 1981, alla consacrazione dello stesso altare con l’olio del crisma da parte del cardinale. La reliquia di san Giovanni Paolo II è stata donata all’Unità pastorale dal cardinale di Cracovia Stanislaw Dziwisz, il primo giugno 2015, nel corso del pellegrinaggio dei giovani dell’Oratorio “GPII” in terra polacca, per la definitiva allocazione nel complesso interparrocchiale intitolato a questo grande santo del nostro tempo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!