Panettiere arrestato, oltre alla farina trovata cocaina e sostanza da taglio - Tuttoggi

Panettiere arrestato, oltre alla farina trovata cocaina e sostanza da taglio

Redazione

Panettiere arrestato, oltre alla farina trovata cocaina e sostanza da taglio

Si tratta di un 42enne di origine romena
Mar, 26/05/2015 - 14:13

Condividi su:


Panettiere arrestato, oltre alla farina trovata cocaina e sostanza da taglio

La notte scorsa i Carabinieri della Stazione di Narni Scalo hanno tratto in arresto per spaccio e detenzione ai fini di spaccio un 42enne romeno regolarmente residente a Terni al quale hanno sequestrato oltre 40 grammi di cocaina ed 80 di sostanza da taglio, nonché tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi.

Una pattuglia la serata precedente, nei pressi della centrale idroelettrica di Narni, aveva controllato un’autovettura in sosta con all’interno una 40enne disoccupata del posto alla quale avevano trovato 3 grammi di cocaina. La donna è stata segnalata alla competente Prefettura come assuntrice e forniva agli operanti alcune indicazioni riguardanti il soggetto dal quale aveva acquistato per 300 € lo stupefacente, ossia un 42enne originario dell’Est Europa, fornaio presso un forno di questo capoluogo.

I militari che si erano appostati in borghese presso il forno, nella prima mattina odierna, al momento in cui l’uomo arrivava sul luogo di lavoro, hanno identificato lo spacciatore, ossia un 42enne romeno, già arrestato lo scorso anno sempre per stupefacenti. Nel forno i militari hanno trovato solo molta farina, ma, all’interno dell’abitazione dello straniero, ben nascosta dietro un termosifone, ben altra “polvere”: oltre 40 grammi di “neve”, ossia cocaina, più di 80 grammi di “mannitolo”, sostanza utilizzata per il taglio dello stupefacente, nonché tutto il necessario per la preparazione, pesatura e confezionamento delle dosi.

I Carabinieri hanno sequestrato anche quasi 1.000 € in contanti. Il romeno, dopo aver passato la notte in una delle camere di sicurezza di questo Comando, al termine della relativa direttissima nel corso della quale l’arresto è stato convalidato, su disposizione dell’A.G. ternana, in attesa della successiva udienza, è stato sottoposto al regime della detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

Aggiungi un commento