Ospedali Usl Umbria 2, accreditamento per 11 strutture aziendali - Tuttoggi

Ospedali Usl Umbria 2, accreditamento per 11 strutture aziendali

Redazione

Ospedali Usl Umbria 2, accreditamento per 11 strutture aziendali

Superata la verifica ispettiva della Regione per varie strutture dell'ospedale di Foligno, per il servizio immuno-trasfusionale di Foligno, Spoleto e Orvieto e per 6 unità di raccolta di sangue
Lun, 28/08/2017 - 09:23

Condividi su:


Ospedali Usl Umbria 2, accreditamento per 11 strutture aziendali

Continua con successo il percorso di accreditamento dei servizi dell’Usl Umbria 2. Sono state accreditate 11 strutture aziendali e 6 unità di raccolta sangue. Le verifiche esterne di accreditamento sono programmate dal Servizio Accreditamento, Valutazione di qualità e comunicazione della Direzione Regionale Salute e Coesione Sociale della Regione Umbria.

Il programma delle verifiche regionali, svolte da parte dei gruppi di verifica ispettiva della Regione è iniziato il 20 marzo ed è terminato il 14 giugno. Le strutture che hanno superato brillantemente la verifica sono: il Servizio Immuno-trasfusionale aziendale (SIT SPOKE Foligno, Spoleto e Orvieto) e le Unità di  Raccolta Sangue di Foligno, Spoleto, Nocera Umbra, Narni, Amelia e Orvieto, la Struttura Complessa di Anatomia e Istologia aziendale, il Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche e Microbiologiche dell’Ospedale di Foligno, la Struttura di Assistenza Farmaceutica, la Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Foligno, Struttura aziendale Medicina nucleare-PET-TC, la struttura di Diagnostica per Immagini di Foligno, il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura –SPDC di Foligno, l’Unità Gravi Cerebrolesioni Acquisite e Unità Ictus, la Struttura Complessa di Riabilitazione Intensiva Neuromotoria di Trevi, la Struttura complessa di Pediatria di Foligno.

Con l’accreditamento della Pediatria e dell’Ostetricia e Ginecologia è stato completato l’accreditamento del Punto Nascita dell’Ospedale di Foligno. Il processo di accreditamento è stato coordinato dal Servizio Qualità e Accreditamento aziendale diretto dalla dottoressa Francesca Gori  ed ha coinvolto direttamente tutti i medici, gli infermieri, le ostetriche ed i tecnici sanitari.

La mission dell’Azienda – ha detto il Direttore Generale dell’UslUmbria 2, Imolo Fiaschini –  è quella di stare dalla parte di chi chiede con la responsabilità di chi offre e questo credo sia la sintesi di ciò che è oggi il governo clinico: attenzione al bisogno e alla qualità, ma anche alla sostenibilità. Il tema della qualità e dell’accreditamento non è legato a un riconoscimento di tipo formale per l’organizzazione, ma è un progetto per dare garanzie al proprio paziente. Tale risultato – ha concluso – è la testimonianza pratica dell’uso del buon governo clinico in un modello misurabile. Il processo non si chiude con la certificazione o l’accreditamento, ma da tali riconoscimenti riparte per migliorare continuamente la garanzia per i cittadini”. Gli standard di qualità per l’accreditamento dell’assistenza ospedaliera sono promossi ed attivati secondo il modello della Clinical Governance, per dare attuazione al cambiamento complessivo del sistema sanitario e fornire strumenti per lo sviluppo delle capacità organizzative necessarie ad erogare un servizio di assistenza di qualità, sostenibile, responsabile e centrato sui bisogni della persona”.

Aggiungi un commento