Nuovo nubifragio su Vallo di Nera / Chiesto lo stato di calamità naturale - Tuttoggi

Nuovo nubifragio su Vallo di Nera / Chiesto lo stato di calamità naturale

Jacopo Brugalossi

Nuovo nubifragio su Vallo di Nera / Chiesto lo stato di calamità naturale

Un temporale si è scatenato su Montefiorello domenica pomeriggio causando altri danni / C'è anche un ferito
Lun, 28/07/2014 - 12:16

Condividi su:


Un secondo violento temporale, la strada di nuovo invasa dall’acqua e dai detriti e un ferito lieve. Questo il bilancio della giornata di ieri a Vallo di Nera, che continua ad essere martoriata dal maltempo. Nuovi danni si sommano a quelli causata dalla “bomba d’acqua” di venerdì e inducono il sindaco Agnese Benedetti a chiedere lo stato di calamità naturale. La zona più colpita è, ancora una volta, quella di Montefiorello, ma sono innumerevoli i problemi causati dal passaggio di acqua e massi a valle e sul versante opposto della montagna.

C’è anche un ferito – Il temporale che si è scatenato intorno alle 14.30 è stato meno violento di quello di venerdì e la popolazione, anche grazie all’sms preventivo inviato al sindaco dal Centro di Protezione Civile, era preparata al peggio. I mezzi meccanici al lavoro da venerdì avevano creato degli argini naturali che hanno permesso di incanalare l’acqua nella parte scoperta del fosso e di farla defluire a valle. Ciononostante la strada si è nuovamente riempita di detriti ed è stato necessario lavorare fino a tarda serata per riaprire a senso unico alternato. Nella concitazione delle operazioni, inoltre, un uomo è stato ferito ad una gamba dai sassi trasportati dal fosso in piena. Fortunatamente si tratta di una ferita abbastanza superficiale che i sanitari del 118 hanno medicato sul posto, senza necessità di ricoverare il poveretto.

Codice giallo – In settimana il primo cittadino Agnese Benedetti incontrerà i vertici di Regione e Provincia per studiare tutti gli interventi necessari a mettere in sicurezza gli argini. Sena un’operazione pianificata fin nei minimi dettagli infatti, il pericolo di esondazione non potrà dirsi scongiurato. Neanche quando, come ieri, il codice di allerta meteo è giallo e, in teoria, i rischi dovrebbero essere ridotti al minimo.

Riproduzione riservata ©

Articolo precedente

L’inferno a Vallo di Nera, “l’acqua si è portata via tutto” / Vd e Ft

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!