Nomine Giunta, tra piroette, destino cinico e baro e Cirque du Soleil - Tuttoggi

Nomine Giunta, tra piroette, destino cinico e baro e Cirque du Soleil

Carlo Vantaggioli

Nomine Giunta, tra piroette, destino cinico e baro e Cirque du Soleil

Lo strano caso di Fernanda, la vicina di casa, che voleva solo occuparsi di giardini e fiori
Dom, 21/06/2015 - 10:30

Condividi su:


E Giunta sia! Piccola, anzi proprio corta, agilissima e persino saltellante. Tante deleghe raggruppate per affinità elettive o per amorosi sensi, visto che l’età dell’innocenza è perduta da un pezzo. Tutto sarebbe posizionabile in quel percorso logico-politico uscito dal responso delle urne, se non fosse che l’estro dei partiti, forse della Marini, ma molto più probabilmente del destino cinico e baro, ha voluto regalare agli umbri, già di loro molto “umbratici” e tradizionalisti, una manciata di piroette simil-Cirque du Soleil.

Regione Umbria, Marini presenta la giunta | Assessorati e deleghe

La prima, meno piroetta e molto più sottiletta (nel senso di roba sottile e di mente acuta, fine) è la nomina di Luca Barberini alla Sanità e Welfare e sulla quale è bene non proferire parola in attesa del “dunque” su alcune posizioni scottanti, da girone dantesco (vedi San Matteo degli Infermi a Spoleto).

A seguire la piroetta più difficile, quella per la quale servono cosce d’acciaio e nervi di velluto. O forse era il contrario mah, a saperlo! Trattasi della nomina del ternano Fabio Paparelli all’assessorato per la competitività delle imprese, l’innovazione del sistema produttivo, lavoro e formazione. Un bel momentaccio per trattare la materia, sopratutto se sei del piddì. Che Paparelli sia stato scelto perché è un assessore con la D.o.c.? Mah, a saperlo!
Piroettona a favore del Prof. Avv. Dott. (tralasciamo la fantozziana Grand Lup. Man.) Antonio Bartolini  a cui vanno le riforme, l’innovazione della pubblica amministrazione, le risorse umane e patrimoniali, l’attuazione dell’agenda digitale, istruzione e diritto allo studio. Un tecnico tutto chiave inglese e cacciavite che si sporcherà le mani alla maniera di Battisti (Lucio, per i più), che avrebbe a dire, “Quel gran genio del mio amico, lui saprebbe come fare, lui saprebbe come aggiustare, con un cacciavite in mano fa miracoli”. E la governatrice, che quel disco lo conosce bene (Io-tu-noi-tutti, ndr.), non si è fatta fregare. Eh, si sa!

Piroettissima (o anche doppia piroetta con salto carpiato), quella che porta invece Giuseppe Chianella, socialista, già sindaco di Avigliano Umbro, amena località di 2.500 anime, a fare nientepopodimenoche l’assessore alle infrastrutture, trasporti, riqualificazione urbana e centri storici. E qui la faccenda si fa filosofico-scientifica: secondo la proprietà transitiva aristotelica, dalla quale origina la silloge, partendo dai tre tipi di termine “maggiore”, “medio” e “minore”, insomma se prima la sedia era di un socialista, adesso la sedia è di un socialista, minore, ma socialista. Chiaro? O forse Rometti poté più di Aristostele. Mah, a saperlo!

La piroetta che non c’è è invece quella della sinistra più a sinistra dei vari centri-sinistra, dalle cui catene di coalizione Mme Marini sembra essersi liberata con una dote escapologica degna del grande Harry Houdini. Stupore, ma neanche tanto, tra chi si aspettava riconoscenza e riconoscimento per aver portato pubblico al grande spettacolo delle elezioni. Ma “the show must go on”. Quale il prossimo numero? Mah, a saperlo!

Ma la piroetta “tenerezza”, tanto dolce che ricorda un “arvoltolo” con un mucchio di zucchero sopra, è la riconferma alle politiche agricole e agroalimentare, sviluppo rurale, programmazione forestale,  etc., etc. di Fernanda Cecchini, l’insospettabile “vicina di casa”, che per l’agricoltura, la caccia e le cose di “terra” si è data un gran daffare nella precedente giunta Marini Uno, con indubbi successi e gradimento. Anche prossimo futuro. Ma al destino cinico e baro non è bastato richiamare a conferma Fernanda, e in uno di quei giri strani che ogni tanto nei secoli dei secoli si diverte a fare, ha attribuito alla nostra anche la delega alla Cultura, anzi per essere precisi, beni e attività culturali, politiche dello spettacolo, associazionismo culturale, grandi manifestazioni e festival, qualità della risorsa Umbria. Che Bomba! In tempi di spending review ce la facciamo corta anche sulle parole dai significati assonanti, e da coltura a cultura il passo non è solo breve, ma sembra molto prossimo al Bosone di Higgs. Il BigBang!
Fernanda, la nostra “vicina di casa”, metterà mano non solo al giardino, potando le rose e tagliando la siepe, ma raccoglierà i frutti dell’orto (alla faccia di quello vantato dalla Elsa Fornero che “regolarmente non dava frutti“) e cucinerà un gustoso pranzetto per gli ospiti di passaggio in Umbria, metterà a posto le camere e sarà una perfetta padrona di casa sorvegliando che le feste e qualche volta i festival, siano organizzati alla perfezione e che non si spenda più del dovuto. Del resto lei lo sa bene cosa significa risparmiare, e mantenere in piedi una casa, l’orto e il giardino; proprio lei alla quale il destino ha riservato due cariche in una, divise da una U e una O. La nemesi di Fernanda che voleva occuparsi solo di una cosa.
Ma alla faccia dei chiacchieroni (non Gianfranco, rimasto a becco asciutto di incarichi) cultura e coltura si compenetrano e si animano in nuove forme di saggezza. E dunque “Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere”. Più di un Vangelo qualsiasi. Amen Fernanda!

® Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!