Movida a Spoleto, 16 multe e 1 denuncia nel primo venerdì di riapertura - Tuttoggi

Movida a Spoleto, 16 multe e 1 denuncia nel primo venerdì di riapertura

Redazione

Movida a Spoleto, 16 multe e 1 denuncia nel primo venerdì di riapertura

Carabinieri, Polizia e Finanza impegnati nei controlli per disperdere gli assembramenti di giovani riuniti a festeggiare
Sab, 23/05/2020 - 15:18

Condividi su:


Movida a Spoleto, 16 multe e 1 denuncia nel primo venerdì di riapertura

Venerdì sera movimentato nelle piazze del centro storico di Spoleto, nel prima venerdì sera dopo la riapertura dei locali lo scorso 18 maggio.

Situazione sotto controllo, addirittura tranquilla fino alle 11:30 circa, poi tanti i giovani che si sono incontrati nei soliti luoghi di ritrovo.

In piazza del Mercato, piazza simbolo della movida spoletina, erano presenti addirittura due pattuglie dei Carabinieri, con il Capitano Aniello Falco, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza.

All’esito dei controlli e delle azioni messe in atto dalle forza dell’ordine per disperdere i gruppi che si erano naturalmente creati in piazza, sono state elevate 16 multe, tutte a ragazzi, e fatta una denuncia ad un giovane, per non aver voluto fornire le generalità.

Dopo qualche momento di tensione la situazione si è poi placata e la folla si è dispersa. Non senza lasciare “segni” e rifiuti ovunque nei vicoli del centro storico.

Si teme però che la stessa situazione si possa ripetere in questa serata di sabato, con il rischio oggettivo di possibili contagi. Le forze dell’ordine saranno nuovamente presenti per operare dei controlli interforze, come predisposto dalla Prefettura di Perugia sulle linee guida del Governo. A Spoleto e in tutte le altre città dell’Umbria dove si sono ripetute scene molto simili a quelle della città del Festival, come testimonia il video girato a Perugia o quanto accaduto a Orvieto.

I tutori dell’ordine e i gestori dei locali stessi, fanno appello al senso civico e di responsabilità di chi vorrà godere di una serata in spensieratezza, invitandoli a non assumere comportamenti che potrebbero mettere a rischio la propria salute e quella di altre persone o che sicuramente potrebbero “rovinare la festa” a tutti i presenti.


Condividi su: