"Mia nonna di 94 anni in carrozzella sotto il diluvio in attesa del vaccino" | La replica dell'Usl | Aggiornamenti - Tuttoggi

“Mia nonna di 94 anni in carrozzella sotto il diluvio in attesa del vaccino” | La replica dell’Usl | Aggiornamenti

Luca Biribanti

“Mia nonna di 94 anni in carrozzella sotto il diluvio in attesa del vaccino” | La replica dell’Usl | Aggiornamenti

Mer, 28/04/2021 - 17:31

Condividi su:


Secondo quanto riferito dalla donna, che ha segnalato il fatto anche a Tuttoggi, la vicenda si è verificata stamattina a Terni, nel nuovo centro vaccinale

“Mia nonna, 94 anni, in carrozzella (con ossigeno al seguito) sotto il diluvio in attesa del vaccino – è questa la denuncia di una cittadina ternana che ha avuto un’esperienza negativa col sistema vaccinale predisposto a Terni.

Punto vaccini nel mirino

Secondo quanto riferito dalla donna, che ha segnalato il fatto anche a Tuttoggi, la vicenda si è verificata stamattina a Terni, nel nuovo centro vaccinale. La domanda che si pone la donna è se sia conveniente “Allestire un centro “in tempi record” e poi non farlo funzionare. Credo sia molto più importante impiegare qualche giorno in più e accogliere le persone non autonome in condizioni dignitose”.

“Il medico di base non ha voluto fare il vaccino in casa”

“Stiamo arrivati qui da poco, scusateci” – sono le parole pronunciate dagli operatori che accompagnavano l’anziana classe 1927 sotto il diluvio. “Tengo a sottolineare – continua la ‘denuncia’- che il medico di base si è rifiutato di fare il vaccino a casa, nonostante mia nonna non stia bene e non riesca a camminare. Lo abbiamo ripetuto tante volte in questi mesi di pandemia: i nonni sono un bene prezioso e non è più accettabile assistere a queste scene. Spero si possa agire al più presto – conclude – e salvaguardare la salute di altri “nonni” che nei prossimi giorni saranno vaccinati”.

La replica dell’Usl

“L’inconveniente documentato dalla signora in un post sui social si è verificato, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, nel tardo pomeriggio di ieri all’interno della tendostruttura della Protezione Civile destinata all’attesa dei soggetti da vaccinare” – questa la replica dell’Usl al fatto denunciato dalla cittadina ternana.

Problema risolto

“A causa della pendenza del terreno l’acqua piovana è filtrata sotto il gazebo creando un ristagno che ha interessato parte dell’area. Segnalato il problema, la Protezione Civile si è immediatamente adoperata ed ha installato questa mattina – i lavori sono terminati intorno alle 13 – una pavimentazione antiscivolo che ha risolto l’inconveniente”.

Ripari adeguati

Anche il breve tratto, di circa un metro e mezzo, che separa l’area di attesa a quella di accoglienza ed ingresso al punto vaccinale, verrà coperta da un telo in PVC. I lavori di installazione sono in fase di esecuzione.

Il medico che ha rifiutato il vaccino a casa

“Infine – conclude la nota dell’Usl – in merito al presunto diniego, da parte del medico curante, di effettuare la vaccinazione della signora al proprio domicilio, invitiamo l’utente o i familiari a comunicare domani mattina le generalità all’Urp di Terni, Ufficio Relazioni con il Pubblico, per consentire all’Azienda di compiere le verifiche del caso”.

Aggiornato alle ore 19:20

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!