Lirico Sperimentale, "Chi è di scena?" l'opera lirica a scuola - Tuttoggi

Lirico Sperimentale, “Chi è di scena?” l'opera lirica a scuola

Redazione

Lirico Sperimentale, “Chi è di scena?” l'opera lirica a scuola

Ven, 07/06/2013 - 18:29

Condividi su:


Lirico Sperimentale, “Chi è di scena?” l'opera lirica a scuola

Si è conclusa con successo l’edizione 2013 di “Chi è di scena? –Le Scuole all’Opera”, realizzata dal Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Spoleto e le scuole della città: Liceo Classico Pontano-Sansi, Liceo Artistico Leoncillo Leonardi e Istituto Professionale Alberghiero.

Tre incontri-concerto tenutesi nei giorni 4 e 5 giugno, per un totale di circa 300 giovani spettatori, una parte di coloro che poi a settembre assisteranno ad una delle opere programmate dall’Ente lirico umbro.
Lo staff dello “Sperimentale”, composto dal M° Francesco Massimi e dalla Dott.ssa Irene Lepore, ha presentato l’attività del Teatro Lirico e alcuni dei cantanti vincitori attualmente a Spoleto per perfezionarsi.
Gli artisti, ovvero i soprano Annalisa Ferrarini, Chiara Isotton e Francesca Tassinari, il tenore Edoardo Milletti e il basso-baritono Davide Giangregorio, si sono esibiti in alcuni brani operistici e in modo particolare di una delle opere che saranno presentate nell’ambito della prossima Stagione Lirica.
La mini rassegna è di fatto il completamento del lavoro già svolto dagli insegnanti, ai quali già da tempo è stato fornito dallo “Sperimentale” il materiale didattico necessario per la preparazione degli studenti all’incontro e alle successive recite.
Ormai il lavoro del Lirico con le scuole, non solo di Spoleto, è più che consolidato e si articola da oltre dieci anni. L’attività di promozione e creazione del nuovo pubblico si è estesa anche ad altre città.
Normalmente durante la Stagione Lirica Sperimentale partecipano alle recite mattutine e pomeridiane circa 2.500 studenti delle scuole di Spoleto, ma anche di altre città dell’Umbria tra cui Foligno, Sant’Eraclio, Castel Ritaldi, Bastardo, Campello sul Clitunno, Passaggio di Bettona e Gualdo Tadino.
Un’attività necessaria sia per promuovere la musica lirica nelle scuole e formare il nuovo pubblico, sia per offrire un formidabile strumento didattico agli insegnanti. L’opera infatti è uno strumento multidisciplinare che contempla non solo la musica, ma anche la storia, la letteratura, l’architettura, la pittura e alcune discipline tecniche applicate .
L’iniziativa appena conclusa con grande successo precede la seconda fase che vedrà impegnati i giovani spettatori in occasione della Stagione Lirica di settembre. Oltre ad assistere ad una delle produzioni, gli studenti potranno poi partecipare ad un concorso per elaborati ispirati all’opera che hanno visto rappresentata a Spoleto.
L’attività didattica del Lirico è come sempre resa possibile grazie al prezioso sostegno di Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Spoleto, Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto e Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!