Licenziamenti alla TerniEnergia, sindacati “Basiti  per la decisione del CdA”

Licenziamenti alla TerniEnergia, sindacati “Basiti per la decisione del CdA”

Nota congiunta di Cgil e Cisl sull’annuncio dell’azienda per i 66 licenziamenti | Le OO.SS. “Valutare tutte le possibili soluzioni”

share

Nota congiunta di FILCTEM CGIL e FLAEI CISL unitamente alle R.S.A. Aziendali  sul recente annuncio della TerniEnergia di apertura della procedura di licenziamento per 66 unità produttive del sito aziendale di Nera Montoro (CLICCA QUI). Una doccia gelata sulla traballante situazione economica territoriale che da poco aveva visto i sindacati iniziare una nuova fase di discussione sull’esodo volontario alla AsT, altro punto caldo del mondo del lavoro a Terni.

Le OO.SS. di FILCTEM CGIL e FLAEI CISL unitamente alle R.S.A. Aziendali con grande rammarico e stupore sono venute a conoscenza, nel tardo pomeriggio di ieri, dell’apertura della procedura di licenziamento collettivo da parte della Società TerniEnergia S.p.A. per n° 66 lavoratori su un totale di n° 91 occupati presso la Sede di Nera Montoro.

Seguendo il settore, sappiamo molto bene che sia il fotovoltaico, sia tutto ciò che ruota intorno all’efficientamento energetico, in un quadro macro-economico nazionale negativo, riscontra difficoltà sia in termini di produzione che di investimenti; la situazione del fotovoltaico è poi ulteriormente aggravata dalla concorrenza di competitor stranieri sull’alternativo mercato estero.

Detto ciò, rimaniamo comunque basiti di fronte alla decisione del C.d.A..

Circa un mese fa abbiamo avuto un incontro con le massime cariche di TerniEnergia: il Presidente, l’AD e il Capo del Personale, durante il quale siamo stati nuovamente informati delle difficoltà sopra descritte, tra l’altro difficoltà sussistenti da tempo, ma nel contempo abbiamo ricevuto rassicurazioni in termini occupazionali con l’espressa volontà da parte aziendale, in primis di proseguire con l’attuale core business rivedendone alcuni aspetti e modalità di gestione e in caso di ulteriori scenari negativi, di riqualificazione/formazione del personale da collocare in altri settori facenti parte di gruppi affini che invece hanno un trend positivo, il tutto al fine di non intaccare la forza; nello stesso incontro abbiamo anche raccolto l’impegno dell’azienda per l’erogazione di una sorta di una tantum in welfare e l’impostazione di un premio triennale per tutti i lavoratori.

Ora è più semplice capire come la notizia dell’apertura della procedura di licenziamento collettivo per noi sia stata come un fulmine a ciel sereno.

Crediamo necessario analizzare approfonditamente la situazione, avendo un quadro completo sul personale, valutare tutte le possibili soluzioni, crediamo fermamente ci siano, per non disperdere professionalità di un settore come quello elettrico che rappresentano un valore aggiunto importante sul nostro territorio.

Appena avremo conto di molti tasselli che per noi ancora mancano, come sempre siamo abituati a fare, decideremo insieme ai lavoratori le iniziative da intraprendere.

E’ certo che questa repentina comunicazione non ci scoraggia, assicuriamo che non ci fermeremo e che faremo tutto quanto nelle nostre possibilità per risolvere la situazione nel modo migliore, difendendo chi noi rappresentiamo: i lavoratori.

 Le Segreterie Regionali/Provinciali dell’Umbria

FILCTEM CGIL – FLAEI CISL

share

Commenti

Stampa