Licenziamenti alla Savit, sciopero e presidio - Tuttoggi

Licenziamenti alla Savit, sciopero e presidio

Redazione

Licenziamenti alla Savit, sciopero e presidio

Mar, 25/05/2021 - 13:58

Condividi su:


La Fiom sottolinea la gravità del fatto che sia proprio un’azienda a capitale pubblico a giocare con diritti e professionalità dei lavoratori

C’è un “silenzio assordante” intorno alla vicenda della Savit, azienda metalmeccanica, controllata da Busitalia e a totale capitale pubblico, con 90 dipendenti in Umbria che si occupano di manutenzioni, rifornimenti e pulizie dei mezzi del tpl.

“Ingiustizia contro lavoratori”

“Da oltre 20 giorni – si legge in una nota della Fiom Cgil di Terni – il sindacato ha scritto alla giunta e al consiglio regionale per denunciare l’ingiustizia che stanno subendo i lavoratori della Savit, con l’annuncio di 6 licenziamenti e un presunto cambio di contratto e datore di lavoro, senza confronto con il sindacato e senza conoscere la gara di appalto e il capitolato che vengono sistematicamente negati da parte dell’azienda”. 

“Silenzio assordante”

La Fiom sottolinea la gravità del fatto che sia proprio un’azienda a capitale pubblico a giocare con diritti e professionalità dei lavoratori: “Nonostante uno sciopero indetto con un preavviso ben più largo di quello previsto dalla legge – riferisce il sindacato – a 5 giorni dal suo svolgimento ancora non c’è neanche una convocazione per la Rsu, necessaria peraltro a comunicare i contingenti minimi per le fasce orarie di garanzia da parte di Busitalia. Un silenzio assordante da parte dell’azienda e delle istituzioni che ci preoccupa e ci indigna – insiste la Fiom – fatta eccezione per la presa di posizione in solitaria del consigliere 5 Stelle Thomas de Luca”.

Sciopero e presidio

Secondo il sindacato, al contrario, in questa fase le istituzioni e la politica possono giocare un ruolo decisivo e intervenire su chi, prendendo soldi pubblici, nega corrette relazioni industriali. “Per questo – conclude la Fiom Cgil di Terni – abbiamo convocato la nostra assemblea generale per il 1 giugno 2021, giorno dello sciopero dei lavoratori Savit, e in quella data parteciperemo al presidio organizzato dalle ore 9.00 davanti all’azienda, per dare la giusta visibilità ad una vertenza che riguarda tutti i lavoratori”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!