Ladri inarrestabili "Ora usano pure una scala" | Auto "familiare" trovata sul lungotevere - Tuttoggi

Ladri inarrestabili “Ora usano pure una scala” | Auto “familiare” trovata sul lungotevere

Davide Baccarini

Ladri inarrestabili “Ora usano pure una scala” | Auto “familiare” trovata sul lungotevere

Dom, 06/02/2022 - 09:28

Condividi su:


Si moltiplicano i colpi nel Comune di Città di Castello, tifernate posta foto della camera messa a soqquadro dai malviventi | Lungo il fiume spunta una Ford Kuga piena di attrezzi da scasso, sarebbe l'auto usata dai ladri durante il recente raid tra San Giustino e Sansepolcro

Ci risiamo. Puntuali come ogni settimana i ladri sono tornati a visitare numerose abitazioni dell’Altotevere, in particolare quelle del Comune di Città di Castello.

Il primo colpo è avvenuto in un appartamento al primo piano del quartiere Meltina, dove il proprietario di casa ha postato pure la foto della camera da letto, messa a soqquadro dagli ignoti intrusi.

Sono venuti di pomeriggio – racconta il tifernate rendendo conto di un altro furto simile avvenuto a Cinquemiglia (zona sud) il giorno prima – L’orario è quello, tra le 17.30 e le 18.30. Agiscono in due, un palo che aspetta fuori e un simpaticone che, armato di scala, punteruolo e torcia, entra dalla parte dell’edificio più ‘buia’ agendo in pochi minuti…”. I malviventi sarebbero infatti entrati da un terrazzo, a 3 metri di altezza, forzando poi la porta finestra. Solo due settimane fa avevamo parlato del ritorno dei ladri acrobati.

Altri episodi praticamente identici – per modus operandi e orario di azione – anche il giorno prima (2 febbraio), a San Leo Bastia e Cinquemiglia, frazioni distanti tra loro poco più di 10 km.

Sempre nella zona sud, inoltre, tra San Secondo e Fabbrecce, in mezzo ad un campo, é stato ritrovato addirittura il cassetto di un registratore di cassa con evidenti segni di infrazione, sicuramente portato via e svuotato durante un furto in un’attività commerciale.

Un ritrovamento ancora più inquietante, una Ford Kuga “ammaccata”, è avvenuto lungo le sponde del Tevere a Sansepolcro (Ar). Si tratterebbe della stessa auto usata dai ladri che, la settimana scorsa, hanno messo a segno diversi colpi al confine tra San Giustino e il Comune toscano.

All’interno dell’auto, visibilmente danneggiata dopo lo speronamento della gazzella dei carabinieri durante l’inseguimento, sono stati ritrovati attrezzi da scasso come piedi di porco e accette. Il mezzo (che ra stato segnalato da molti cittadini) risulterebbe addirittura noleggiato, tramite documenti falsi, in un concessionario di Roma, con la riconsegna che sarebbe dovuta avvenire proprio oggi (domenica 6 febbraio).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!