La “notte dei lunghi coltelli" del Partito Democratico in Umbria - Tuttoggi

La “notte dei lunghi coltelli” del Partito Democratico in Umbria

Redazione

La “notte dei lunghi coltelli” del Partito Democratico in Umbria

Dopo i risultati elettorali del 26 maggio, a Perugia mal di pancia e vendette
Gio, 30/05/2019 - 16:46

Condividi su:


La “notte dei lunghi coltelli” del Partito Democratico in Umbria

Partiamo da una nota: quella inviata ieri (ndr, 29 maggio) dal segretario comunale del Pd di Perugia, Paolo Polinori. Nel suo comunicato, si parla di “campagna elettorale surreale”, di “elezioni complicate” a seguito delle quali la città ha consegnato per il secondo mandato Palazzo dei Priori ad Andrea Romizi e al centro-destra, con una rappresentanza fortemente caratterizzata dal peso della Lega.

Polinori ringrazia poi il candidato a sindaco del centro-sinistra, Giuliano Giubilei, per la sua “passione e dedizione” con cui si è speso negli ultimi mesi per “costruire una città migliore”. Così come ringrazia “tutti i candidati e le persone che si sono impegnate”, ma che non sono riusciti a invertire gli orientamenti seminati a livello nazionale e regionale, complice in parte un’inchiesta, quella sulla sanità ribattezzata Sanitopoli, che ha gettato la campagna elettorale del Pd in un clima di sfiducia e confusione.

Peccato che a smentire le parole di Polinori, almeno in parte, ci siano i dati. A guardare i risultati elettorali, neppure tanto in profondità, assodato quello di non essere riusciti ad andare al ballottaggio, uno su tutti salta agli occhi: il Pd a Perugia è il primo partito eletto, eppure resta all’opposizione. Peccato inoltre che di quella comunione e unità d’intenti di candidati e persone, di cui si legge nel messaggio di Polinori, subito dopo aver messo sul piatto le preferenze raggiunte, non rimanga più nulla, se mai ci fosse stata.

È la notte dei lunghi coltelli del Pd, dove vendette trasversali e strategie si son fatte sentire da subito. In segreteria comunale, nel Pd, l’aria è pesante, con la notizia di dimissioni all’uscio.

In Regione, se mai qualcuno avesse dimenticato che i pezzi del puzzle in un partito da tempo diviso tra correnti, riferimenti e visioni diversi, scatta in Consiglio la vendetta contro Giacomo Leonelli, agitata da Porzi e Brega: non gli si perdona l’astensione sul caso delle dimissioni della ex presidente Catiuscia Marini. La ritorsione è sulla mozione che ha previsto lo scioglimento entro sette giorni delle due commissioni speciali Antimafia e Statuto, quando Leonelli, presidente della prima, aveva chiesto un mese di tempo. Una linea tracciata poche ore prima in conferenza capigruppo.

I nomi dei big in Regione in queste ore poi ritornano e si sentono nominare tra i corridoi di un Pd frammentato, anche sul piano dei risultati delle elezioni al consiglio comunale: ancora mal di pancia, ancora visioni diverse, ancora animi scontentati.

Da cosa e da chi riparte, in consiglio comunale di Perugia, dopo il 26 maggio, un partito all’opposizione che al suo interno racchiude tante anime e lotte intestine? Da chi non ha ottenuto preferenze sufficienti e minaccia di lasciare? O dai quattro consiglieri uscenti riconfermati? Tra loro c’è anche chi ha anche ottenuto la deroga per la ricandidatura e si avvia verso i 15 anni di consiliatura. Chi invece si ritrova con un paniere di voti dimezzato. E c’è anche da chiedersi cosa accadrà nella segreteria comunale del Pd di lunedì prossimo: all’ordine del giorno anche le ultime elezioni amministrative.

Così come, non per ultimo, c’è da chiedersi come il Pd arriverà alla prossima difficile fase delle elezioni regionali: chi saranno i futuri candidati, chi comporrà la squadra. Chi anela ad un ruolo, dopo aver dimostrato forte distacco dalla baraonda Sanitopoli. Una matassa intricata, già intossicata da veleni e tensioni.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!